Due arresti

Stradale di Novara ferma auto sospetta: a bordo oltre 3 kg di hashish

Residenti Galliate e Borgo Ticino

Stradale di Novara ferma auto sospetta: a bordo oltre 3 kg di hashish
Ovest Ticino, 01 Luglio 2020 ore 06:13

La Polizia di Stato di Novara ha proceduto nel pomeriggio di giovedi’ scorso all’ arresto di 2 cittadini extracomunitari, uno A.M 38 enne di cittadinanza marocchina e l’ altro K.R 39 enne di nascita libica e cittadinanza marocchina libanese, rispettivamente residenti a Galliate e Borgo Ticino.

L’operazione

L’operazione è scaturita da un controllo operato sulla ss341 da una pattuglia della Sezione Polstrada di Novara impegnata nei quotidiani servizi di vigilanza stradale. I due stranieri erano a bordo di una Fiat Stilo la cui serratura del portabagagli presentava un probabile segno di forzatura.
Tale circostanza attirava l’attenzione della pattuglia, che fermava per accertamenti il veicolo sospettando che fosse rubato.

Dopo un rapida verifica sulla provenienza non furtiva del veicolo, i poliziotti si insospettivano dell’ atteggiamento poco collaborativo degli occupanti e visti i numerosi precedenti a loro carico procedevano ad un controllo più approfondito dell’autovettura, a seguito del quale rinvenivano nascosti all’ interno dell’ imbottitura sedili numerosi panetti di hashish per un peso complessivo di oltre 3 chili.
Successivamente si procedeva a controllare minuziosamente il passeggero K.R di anni 38 ed allo stesso venivano trovati addosso 1.800 euro in contanti.
La Squadra di Polizia giudiziaria della Sezione Polizia Stradale di Novara procedeva ad estendere i controlli anche all’ abitazione di quest’ ultimo sita in Galliate, dove venivano rinvenuti 5 grammi di sostanza stupefacente hashish unitamente a 690 euro in diverse banconote.

Al termine delle formalità di rito e su disposizione dell’ Autorità giudiziaria di Novara i due stranieri venivano ristretti presso il Carcere di Novara.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità