Cronaca

Tentava di rubare un’auto in via Generali: arrestato dalla Polizia

Tentava di rubare un’auto in via Generali: arrestato dalla Polizia
Cronaca 24 Settembre 2016 ore 12:36

NOVARA, Prosegue l’incessante attività di controllo coordinata dalla Questura di Novara. Un’altra giornata di controlli è stata effettuata giovedì 22 settembre. L’attenzione rimane alta non solo nel fine settimana, ma anche in giornate come giovedì, in cui nel corso di tali servizi si è proceduto all’identificazione di più di 200 persone e al controllo di più di 100 veicoli.

I servizi sono stati condotti ad ampio raggio dalle pattuglie della Squadra Volanti, con il concorso delle pattuglie della Sezione Polizia Stradale di Novara nelle principali arterie cittadine e degli agenti della Sezione Polfer di Novara, che hanno intensificato la loro azione nell’ambito della stazione ferroviaria e delle sue pertinenze. 

Sempre nella giornata di giovedì sono stati denunciati in stato di libertà 4 soggetti, due per inosservanza della legge sull’immigrazione, mentre per altri due la denuncia è scattata per il reato di furto nei confronti di un italiano e per non aver esibito i documenti come previsto dalla legge per un cittadino cubano. In particolare, il giovane italiano, A.C., minore, veniva sorpreso mentre tentava di rubare abiti con asportazione del relativo supporto antitaccheggio all’Oviesse del Centro Commerciale San Martino. Per lo straniero di origini cubane, C.M.A.D. è scattata la denuncia per l’inottemperanza all’ordine di esibizione dei documenti di riconoscimento e di quelli attestanti la regolare presenza sul territorio dello Stato che gli era stato impartito da parte dei poliziotti delle Volanti durante un comune controllo di polizia. 

Gli equipaggi della Squadra Volante hanno poi proceduto al controllo degli avventori presenti all’interno di tre pubblici esercizi che si occupano di somministrazione di alimenti e bevande. All’interno di uno di essi, si è constatata la presenza di un minorenne intento a partecipare a giochi con vincite in denaro. Vista la normativa vigente tesa a ridurre il rischio di sviluppare ludopatie da parte di minorenni, al titolare dell’esercizio pubblico è stato contestato l’illecito amministrativo che, a livello sanzionatorio, prevede il pagamento di una somma di denaro di 6.500 euro e la chiusura dell’esercizio commerciale sino a 30 giorni. 

Infine, nel corso della nottata, la Volante ha proceduto al fermo per identificazione di un marocchino che era stato rintracciato in corso Risorgimento privo di ogni documento utile alla sua identificazione. Lo stesso è stato messo a disposizione dell’Ufficio Immigrazione per l’attivazione della procedura di espulsione.

Un’attività continua quella degli agenti delle Volanti, che hanno proceduto anche all’arresto di un giovane del Gambia, arrivato in Italia a giugno di quest’anno, che nella giornata di mercoledì scorso, si è reso responsabile del tentato furto aggravato  di un’autovettura. A lanciare l’allarme il proprietario dell’auto, parcheggiata su via Generali, che immediatamente segnalava al 113 che il malfattore si stava dirigendo verso via Rizzottaglia. Giunti immediatamente sul posto gli agenti della Volante hanno bloccato lo straniero, che è stato tratto in arresto e messo a disposizione dell’A.G., presso le camere di sicurezza della Questura, in attesa dell’ odierna udienza di convalida, in esito alla quale è stato condannato a mesi sei di reclusione e euro 200 di multa.

mo.c.


NOVARA, Prosegue l’incessante attività di controllo coordinata dalla Questura di Novara. Un’altra giornata di controlli è stata effettuata giovedì 22 settembre. L’attenzione rimane alta non solo nel fine settimana, ma anche in giornate come giovedì, in cui nel corso di tali servizi si è proceduto all’identificazione di più di 200 persone e al controllo di più di 100 veicoli.

I servizi sono stati condotti ad ampio raggio dalle pattuglie della Squadra Volanti, con il concorso delle pattuglie della Sezione Polizia Stradale di Novara nelle principali arterie cittadine e degli agenti della Sezione Polfer di Novara, che hanno intensificato la loro azione nell’ambito della stazione ferroviaria e delle sue pertinenze. 

Sempre nella giornata di giovedì sono stati denunciati in stato di libertà 4 soggetti, due per inosservanza della legge sull’immigrazione, mentre per altri due la denuncia è scattata per il reato di furto nei confronti di un italiano e per non aver esibito i documenti come previsto dalla legge per un cittadino cubano. In particolare, il giovane italiano, A.C., minore, veniva sorpreso mentre tentava di rubare abiti con asportazione del relativo supporto antitaccheggio all’Oviesse del Centro Commerciale San Martino. Per lo straniero di origini cubane, C.M.A.D. è scattata la denuncia per l’inottemperanza all’ordine di esibizione dei documenti di riconoscimento e di quelli attestanti la regolare presenza sul territorio dello Stato che gli era stato impartito da parte dei poliziotti delle Volanti durante un comune controllo di polizia. 

Gli equipaggi della Squadra Volante hanno poi proceduto al controllo degli avventori presenti all’interno di tre pubblici esercizi che si occupano di somministrazione di alimenti e bevande. All’interno di uno di essi, si è constatata la presenza di un minorenne intento a partecipare a giochi con vincite in denaro. Vista la normativa vigente tesa a ridurre il rischio di sviluppare ludopatie da parte di minorenni, al titolare dell’esercizio pubblico è stato contestato l’illecito amministrativo che, a livello sanzionatorio, prevede il pagamento di una somma di denaro di 6.500 euro e la chiusura dell’esercizio commerciale sino a 30 giorni. 

Infine, nel corso della nottata, la Volante ha proceduto al fermo per identificazione di un marocchino che era stato rintracciato in corso Risorgimento privo di ogni documento utile alla sua identificazione. Lo stesso è stato messo a disposizione dell’Ufficio Immigrazione per l’attivazione della procedura di espulsione.

Un’attività continua quella degli agenti delle Volanti, che hanno proceduto anche all’arresto di un giovane del Gambia, arrivato in Italia a giugno di quest’anno, che nella giornata di mercoledì scorso, si è reso responsabile del tentato furto aggravato  di un’autovettura. A lanciare l’allarme il proprietario dell’auto, parcheggiata su via Generali, che immediatamente segnalava al 113 che il malfattore si stava dirigendo verso via Rizzottaglia. Giunti immediatamente sul posto gli agenti della Volante hanno bloccato lo straniero, che è stato tratto in arresto e messo a disposizione dell’A.G., presso le camere di sicurezza della Questura, in attesa dell’ odierna udienza di convalida, in esito alla quale è stato condannato a mesi sei di reclusione e euro 200 di multa.

mo.c.


Seguici sui nostri canali