Menu
Cerca
Le modalità

Truffa dell’acqua potabile contaminata a Gozzano, il Codacons: “Contattateci”

Un truffatore vestito da vigile urbano e l’altro da tecnico hanno suonato a casa di alcuni cittadini ignari fingendo di dovere effettuare un controllo per una presunta contaminazione dell’acqua potabile.

Truffa dell’acqua potabile contaminata a Gozzano, il Codacons: “Contattateci”
Cronaca Borgomanero, 18 Aprile 2021 ore 07:34

Anziani derubati in casa da delinquenti a Gozzano. Ennesima truffa messa in atto da finti tecnici, questa volta con la variante dell’acqua potabile contaminata.

Le modalità

Un truffatore vestito da vigile urbano e l’altro da tecnico hanno suonato a casa di alcuni cittadini ignari fingendo di dovere effettuare un controllo per una presunta contaminazione dell’acqua potabile. In questo modo, mentre uno dei complici teneva impegnate le vittime, l’altro ha portato via gioielli e contanti, fuggendo in pochi minuti. Così una coppia di anziani è stata derubata a Gozzano in Provincia di Novara.

Già nei giorni scorsi erano stati depradaiti altri anziani, con furti simili, nelle zone di Arona e Borgomanero, e da truffatori che indossavano divise di forze dell’ordine, vigili urbani e tute da lavoro. Una catena di truffe e furti, soprattutto nei confronti di anziani che ci auguriamo si spezzi con l’individuazione dei responsabili.

L’appello del Codacons

“Non bisogna aprire a sconosciuti e bisogna chiamare il Comune, Forze dell’Ordine o all’Ente interessato per avere conferma dell’identità prima di aprire la porta. I cittadini necessitano di maggiore consapevolezza del fenomeno, in modo da conoscere i propri diritti e sapersi tutelare. Qualora doveste essere vittime di truffe di questo tipo bisogna avere la prontezza di denunciare” – commenta il Presidente del Codacons, Marco Maria Donzelli – “Ecco perché le Associazioni Consumatori CODICI, CASA DEL CONSUMATORE, ASSOUTENTI e CODACONS si sono riunite per offrire assistenza e supporto a tutti i consumatori che ritengono di aver subito una truffa.”

Il progetto si pone come obiettivo quello di educare i cittadini a riconoscere le truffe, i truffatori ed evitare di caderne vittime. Crediamo sia essenziale che tutti conoscano appieno i propri diritti e sappiano come tutelarsi. La parte più innovativa si concreta nell’attivazione di una chat web disponibile da lunedì a venerdì dalle 9 alle 18, alla quale i cittadini lombardi devono scrivere e ricevere riscontro immediato e l’attivazione di un numero Verde Antitruffa, l’800 822 533, che si potrà contattare per denunciare o semplicemente per richiedere informazioni su sospette truffe. I settori ai quali verranno si pone maggiore attenzione sono quelli alimentari, creditizi, dello shopping, dei contratti di energia elettrica e gas, telefonia.

Si ricorda che il servizio telefonico è reso dal Codacons ogni giovedì dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18 a partire dal 11.06.2020. Inoltre viene garantito anche il servizio via e-mail agli
indirizzi info@codaconslombardia.it e acciuffalatruffa.codacons@gmail.com oltre al recapito telefonico 02/29408196.