Troppa inventiva

Turista torinese denuncia un falso stupro: non era sangue ma anguria

La ragazza, in vacanza a Riccione, ha anche scritto un messaggio d'aiuto al fidanzato.

Turista torinese denuncia un falso stupro: non era sangue ma anguria
17 Luglio 2020 ore 05:44

Sembra una trama da film quella che si è inventata la torinese di 36 anni in vacanza a Riccione e ospite alla Perla Verde, albergo a 4 stelle. Dai colleghi di primatorino.it

Il messaggio al fidanzato

Nella serata di martedì 14 luglio 2020, verso le 19, la ragazza manda un messaggio al fidanzato, che era al lavoro a Ravenna, in cui scrive di essere stata stuprata nella sua stanza. È il suo ragazzo, terrorizzato, a chiamare aiuto a distanza. Il 118 trova in effetti la giovane donna in stato confusionale e la stanza piena di sangue.

La sorpresa arriva in ospedale. Qui, i medici si ritrovano una persona perfettamente sana senza alcun tipo di lesione riconducibile a una violenza sessuale. La sostanza rossa di cui è ricoperta la “vittima” non era sangue, ma vomito composto da anguria, psicofarmaci e alcolici e così l’allarme rientra già alle 2.

Il movente

La donna ora rischia una denuncia per simulazione di reato. Ma perché inventarsi una storia del genere spaventando a morte il proprio fidanzato? Per attirare l’attenzione o nascondere qualcosa? I primi riscontri hanno permesso di accertare che la donna aveva effettivamente portato in stanza un ragazzo, registrato regolarmente dal personale dell’albergo.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità