Udienza preliminare per il caso Giordano: la giornata delle difese

Udienza preliminare per il caso Giordano: la giornata delle difese
Cronaca 06 Ottobre 2015 ore 22:22

NOVARA – E’ stata la volta degli interventi degli avvocati di parte civile e delle difese, questa mattina, martedì 6 ottobre, all’udienza preliminare relativa al “Caso Giordano”, ossia la maxi inchiesta che ha come principale indagato l’ex sindaco ed ex assessore regionale alle Attività produttive, Massimo Giordano, accusato di corruzione e concussione.
All’udienza di oggi, partita intorno alle 10,40, davanti al gup Elena Ceriotti, ai pm Nicola Serianni e Olimpia Bossi e al procuratore Francesco Saluzzo, sono intervenuti gli avvocati Gianni Correnti (per le difese dell’ex comandante della Polizia locale, Paolo Cortese, e per gli imprenditori Pietro e Giovanni Previde Prato), Mario Tuccillo per la dipendente comunale Almanda Tritto, Claudio Bossi (per l’ex segretario del Comune, Sergio Albenga), Matteo Iato per alcuni capi d’imputazione legati a Giordano, Roberto Rognoni (per l’imprenditore Mario Berti), Massimo Barbero per il giornalista Giuseppe Cortese. I prossimi interverranno all’udienza già calendarizzata per il 9 ottobre.
In apertura dichiarazioni spontanee da parte di Riccardo Lanzo, consigliere comunale del Carroccio e avvocato, assistito dall’avvocato Iato, che ha sostenuto la sua totale estraneità ai fatti. Alla prossima udienza parleranno i restanti difensori. Altre difese son ancora attese per il 13 ottobre, quando ci saranno le eventuali repliche e la decisione del giudice.

mo.c.

Per saperne di più leggi l’articolo sul Corriere di Novara in edicola giovedì 8 ottobre

NOVARA – E’ stata la volta degli interventi degli avvocati di parte civile e delle difese, questa mattina, martedì 6 ottobre, all’udienza preliminare relativa al “Caso Giordano”, ossia la maxi inchiesta che ha come principale indagato l’ex sindaco ed ex assessore regionale alle Attività produttive, Massimo Giordano, accusato di corruzione e concussione.
All’udienza di oggi, partita intorno alle 10,40, davanti al gup Elena Ceriotti, ai pm Nicola Serianni e Olimpia Bossi e al procuratore Francesco Saluzzo, sono intervenuti gli avvocati Gianni Correnti (per le difese dell’ex comandante della Polizia locale, Paolo Cortese, e per gli imprenditori Pietro e Giovanni Previde Prato), Mario Tuccillo per la dipendente comunale Almanda Tritto, Claudio Bossi (per l’ex segretario del Comune, Sergio Albenga), Matteo Iato per alcuni capi d’imputazione legati a Giordano, Roberto Rognoni (per l’imprenditore Mario Berti), Massimo Barbero per il giornalista Giuseppe Cortese. I prossimi interverranno all’udienza già calendarizzata per il 9 ottobre.
In apertura dichiarazioni spontanee da parte di Riccardo Lanzo, consigliere comunale del Carroccio e avvocato, assistito dall’avvocato Iato, che ha sostenuto la sua totale estraneità ai fatti. Alla prossima udienza parleranno i restanti difensori. Altre difese son ancora attese per il 13 ottobre, quando ci saranno le eventuali repliche e la decisione del giudice.

mo.c.

Per saperne di più leggi l’articolo sul Corriere di Novara in edicola giovedì 8 ottobre