Udienza preliminare per il prof accusato di detenzione di droga ai fini di spaccio

Udienza preliminare per il prof accusato di detenzione di droga ai fini di spaccio
Cronaca 11 Febbraio 2015 ore 20:49

NOVARA - Ha patteggiato 3 anni, questa mattina mercoledì 11 febbraio dal gup, L.B., 31enne professore di sostegno all’epoca in servizio al Bonfantini, arrestato nel febbraio 2014 dai Carabinieri per detenzione di droga ai fini di spaccio.

Per l’uomo, non presente in aula e assistito dall’avvocato Vittorio Cocito, è stata decisa la confisca di parte dei 52mila euro allora sequestrati, ritenuti provento d’attività illecita, mentre la difesa ha sostenuto la tracciabilità di quei soldi, frutto di attività regolare e non da spaccio. Ora 15mila euro sono stati resi all’uomo, perché reputati appunto di provenienza lecita.

NOVARA - Ha patteggiato 3 anni, questa mattina mercoledì 11 febbraio dal gup, L.B., 31enne professore di sostegno all’epoca in servizio al Bonfantini, arrestato nel febbraio 2014 dai Carabinieri per detenzione di droga ai fini di spaccio.

Per l’uomo, non presente in aula e assistito dall’avvocato Vittorio Cocito, è stata decisa la confisca di parte dei 52mila euro allora sequestrati, ritenuti provento d’attività illecita, mentre la difesa ha sostenuto la tracciabilità di quei soldi, frutto di attività regolare e non da spaccio. Ora 15mila euro sono stati resi all’uomo, perché reputati appunto di provenienza lecita. «E’ stata scelta la soluzione del patteggiamento - commenta l’avvocato Cocito - perché imputato e Procura volevano chiudere questa vicenda. Non c’è stata alcuna ammissione di responsabilità. E’ stato un modo per chiudere una brutta storia e poter ripartire daccapo con la propria vita».

mo.c.

 

Per saperne di più leggi il Corriere di Novara in edicola giovedì 12 febbraio