Un albero per ogni caduto in guerra

Un albero per ogni caduto in guerra
31 Maggio 2015 ore 14:13

ROMENTINO – È nato il “Parco della Memoria”. Con il progetto “Un albero per ogni caduto” nell’area verde antistante il cimitero sono state messe a dimora 9 piante a ricordo dei “Ragazzi del ‘99” e dei romentinesi morti durante la Grande Guerra. Furono 51 in tutto i caduti durante il primo conflitto mondiale: per onorarne la memoria l’Amministrazione comunale ha voluto coinvolgere i giovani della classe 1999. Così domenica scorsa, anniversario dell’entrata in guerra dell’Italia, è spettato a loro l’onore di piantare gli alberi (quercia, frassino, carpino e ciliegio), gettando un ponte tra le generazioni. Su ogni pianta la targa con il nome del caduto: Angelo Porzio, Giovanni Caccia, Giovanni Tognoni, Battista Porzio, Giacomo Bertolino, Angelo Saronno, Giuseppe Porzio, Giuseppe Garzolini e Ambrogio Porzio. «Iniziamo un percorso – ha detto il sindaco Alessio Biondo – che ci porterà nei prossimi quattro anni a commemorare i caduti e a raccontare le loro storie, quelle dei dispersi e delle persone chiamate alla prima vera guerra mondiale che qualcuno ha chiamato l’inutile strage. Ci sono stati più caduti rispetto alla seconda guerra, anche se il paese era più piccolo».

Eleonora Groppetti

ROMENTINO – È nato il “Parco della Memoria”. Con il progetto “Un albero per ogni caduto” nell’area verde antistante il cimitero sono state messe a dimora 9 piante a ricordo dei “Ragazzi del ‘99” e dei romentinesi morti durante la Grande Guerra. Furono 51 in tutto i caduti durante il primo conflitto mondiale: per onorarne la memoria l’Amministrazione comunale ha voluto coinvolgere i giovani della classe 1999. Così domenica scorsa, anniversario dell’entrata in guerra dell’Italia, è spettato a loro l’onore di piantare gli alberi (quercia, frassino, carpino e ciliegio), gettando un ponte tra le generazioni. Su ogni pianta la targa con il nome del caduto: Angelo Porzio, Giovanni Caccia, Giovanni Tognoni, Battista Porzio, Giacomo Bertolino, Angelo Saronno, Giuseppe Porzio, Giuseppe Garzolini e Ambrogio Porzio. «Iniziamo un percorso – ha detto il sindaco Alessio Biondo – che ci porterà nei prossimi quattro anni a commemorare i caduti e a raccontare le loro storie, quelle dei dispersi e delle persone chiamate alla prima vera guerra mondiale che qualcuno ha chiamato l’inutile strage. Ci sono stati più caduti rispetto alla seconda guerra, anche se il paese era più piccolo».

Eleonora Groppetti

 

Dai una mano a
Da settimane, i giornalisti del tuo quotidiano online lavorano, senza sosta e con grande difficoltà, per garantirti un'informazione precisa e puntuale dal tuo territorio, sull’emergenza Coronavirus. Tutto questo avviene gratuitamente.
Adesso, abbiamo bisogno del tuo sostegno. Con un piccolo contributo volontario, puoi aiutare le redazioni impegnate a fornirti un'informazione di qualità. Grazie.

Scegli il tuo contributo:
Top news regionali
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei