Alessandria

Un altro operaio investito durante lo sciopero davanti all'azienda

Il fatto si è verificato nel corso della mattinata di oggi all'esterno della Miliardo Yida di Pontecurone. Si Cobas: "Alla guida del mezzo un responsabile dell'azienda".

Un altro operaio investito durante lo sciopero davanti all'azienda
Cronaca 30 Giugno 2021 ore 11:56

Non si è trattato di un caso isolato. Una tragedia quasi sfiorata quella avvenuta nel corso della mattinata di oggi, mercoledì 30 giugno 2021, e denunciata dal sindacato Si Cobas di Tortona e Alessandriaun furgone si è lanciato a tutta velocità contro gli operai in sciopero alla Miliardo Yida di Pontecurone (Alessandria)Uno dei manifestanti è stato ferito ad una gamba. Alla guida del mezzo, come dichiarato dal sindacato, c'era uno dei responsabili dell'azienda, non nuovo a gesti di questo tipo. Lo riportano i colleghi di primaalessandria.it

Furgone si lancia contro gli operai in sciopero, un ferito

Al di fuori dei cancelli dell'azienda Miliardo Yida di Pontecurone (Alessandria), nel corso della mattinata di oggi, mercoledì 29 giugno 2021, si è sfiorata la tragedia: un furgone, sbucato da via Emilia, si è scagliato a tutta velocità contro gli operai in presidio all'esterno della fabbricaUno dei manifestanti, salvo per miracolo, è stato investito e ha riportato una ferita ad una gamba. L'uomo è stato subito soccorso e trasportato in ospedale da un'ambulanza accorsa sul luogo.

Il caso di Biandrate

Ricordiamo che pochi giorni fa un caso molto simile a quello alessandrino è sfociato però in tragedia a Biandrate. Adil Belakhdim è stato investito e ucciso da un camionista mentre manifestava all'esterno della Lidl nel polo logistico di Biandrate.

Per lui sabato 26 giugno 2021 si è tenuta per le strade di Novara una manifestazione LEGGI QUI.

Si Cobas di Tortona e Alessandria si esprime in questi termini mettendo in relazione i due tragici incidenti:

"Come lavoratori che lottano per rivendicare miglioramenti delle condizioni di lavoro e vita, non accettiamo che chi fa sciopero diventi bersaglio e vittima di crumiri scatenati e assassini. Criminali che - dopo i fatti di Biandrate e anche della Brt di Campogalliano (MO), a causa del clima antioperaio e antimmigrati creato dalla violenza di padroni e Stato - si sentono spinti e legittimati a provare a ferire e addirittura uccidere i lavoratori che scioperano per tutti: rivendicando salario, diritti e dignità contro licenziamenti, precarietà e repressione. La lotta continua: lo sciopero va avanti per ottenere il reintegro dei lavoratori licenziati, la messa in sicurezza di questa fabbrica pericolosa ed inquinante, il rispetto degli accordi migliorativi del sindacato. Invitiamo tutti a raggiungere gli operai in lotta dai cancelli della Miliardo Yida di Pontecurone (via Emilia Sud 11) - Alessandria: come lo sciopero, anche la solidarietà è un'arma... usiamola! Chi tocca uno, tocca tutti!".