«Un parco che si apre alla comunità»

«Un parco che si apre alla comunità»
Cronaca 08 Agosto 2015 ore 09:56

ROMENTINO - «Un parco che si apre alla comunità». Così, attraverso le parole del sindaco Alessio Biondo, l’Amministrazione comunale “legge” la nuova piazza Bonomi. Quella che sta nascendo grazie ai progetti di pubblica utilità. Il Comune ha ottenuto dalla Regione Piemonte un finanziamento per il progetto “Riqualificazione Urbana – Insieme per il verde” che ha previsto lavori edili e di manutenzione del verde in due aree da riqualificare. I due progetti, per un importo complessivo di 90.000 euro finanziato per l’80% della Regione, riguardano il recupero di piazza Bonomi (con sistemazione a verde dell’area comunale, posa di panchine, alberi e posizionamento della casetta dell’acqua) e la creazione di orti pubblici nell’area comunale posta dietro il Centro conferimento rifiuti, da anni dimessa (una parte sarà a disposizione delle scuole che potranno coinvolgere gli studenti sul campo): il costo a carico del Comune è di 18.000 euro. I lavori sono a buon punto in entrambe le aree. In questi giorni è arrivata la casetta dell’acqua, «fornita da Acqua Novara.Vco – spiega l’assessore Severino Freguglia ­. Distribuirà acqua normale e frizzante al costo di 6 centesimi al litro. Funziona con la moneta, ma non dà resto, oppure con il cellulare: non occorre scaricare alcun programma, basta comporre il numero di telefono e l’operatore accredita la spesa senza costo aggiuntivo».

Il volto finale dell’area sta prendendo forma. «Con il verde, c’è già una quercia, le panchine e una fontanella, presto le giostrine per i bambini, poi procederemo con l’illuminazione e l’impianto di irrigazione, completando la parte verde con altri cespugli ­ ancora il sindaco Biondo ­. Vogliamo che il parco diventi un punto di aggregazione che unisca il centro del paese alla zona delle scuole. L’obiettivo è quello di ridare dignità a questo angolo che viene recuperato grazie a un progetto importante che per sei mesi ha offerto una occasione di lavoro a persone disoccupate. Il parco sarà aperto e non avrà recinzione, ma per garantire maggior sicurezza sarà installata un'altra telecamera accanto a quella già esistente». Per completare la riqualificazione dell’area è stata sistemata e imbiancata anche la facciata della casa privata che confina con l’area comunale, facciata in cui un riquadro è stato lasciato bianco: potrebbe diventare un murale. «Vogliamo dare l’idea di un parco che si apre verso la comunità ­ ha concluso Biondo ­. Un parco vissuto in cui fermarsi a chiacchierare. Sarà inaugurato sabato 12 settembre quando entrerà in funzione la casetta dell’acqua. Stiamo pensando anche a una giusta intitolazione per un’area molto importante per l’amministrazione e per la comunità».

Eleonora Groppetti

 

ROMENTINO - «Un parco che si apre alla comunità». Così, attraverso le parole del sindaco Alessio Biondo, l’Amministrazione comunale “legge” la nuova piazza Bonomi. Quella che sta nascendo grazie ai progetti di pubblica utilità. Il Comune ha ottenuto dalla Regione Piemonte un finanziamento per il progetto “Riqualificazione Urbana – Insieme per il verde” che ha previsto lavori edili e di manutenzione del verde in due aree da riqualificare. I due progetti, per un importo complessivo di 90.000 euro finanziato per l’80% della Regione, riguardano il recupero di piazza Bonomi (con sistemazione a verde dell’area comunale, posa di panchine, alberi e posizionamento della casetta dell’acqua) e la creazione di orti pubblici nell’area comunale posta dietro il Centro conferimento rifiuti, da anni dimessa (una parte sarà a disposizione delle scuole che potranno coinvolgere gli studenti sul campo): il costo a carico del Comune è di 18.000 euro. I lavori sono a buon punto in entrambe le aree. In questi giorni è arrivata la casetta dell’acqua, «fornita da Acqua Novara.Vco – spiega l’assessore Severino Freguglia ­. Distribuirà acqua normale e frizzante al costo di 6 centesimi al litro. Funziona con la moneta, ma non dà resto, oppure con il cellulare: non occorre scaricare alcun programma, basta comporre il numero di telefono e l’operatore accredita la spesa senza costo aggiuntivo».

Il volto finale dell’area sta prendendo forma. «Con il verde, c’è già una quercia, le panchine e una fontanella, presto le giostrine per i bambini, poi procederemo con l’illuminazione e l’impianto di irrigazione, completando la parte verde con altri cespugli ­ ancora il sindaco Biondo ­. Vogliamo che il parco diventi un punto di aggregazione che unisca il centro del paese alla zona delle scuole. L’obiettivo è quello di ridare dignità a questo angolo che viene recuperato grazie a un progetto importante che per sei mesi ha offerto una occasione di lavoro a persone disoccupate. Il parco sarà aperto e non avrà recinzione, ma per garantire maggior sicurezza sarà installata un'altra telecamera accanto a quella già esistente». Per completare la riqualificazione dell’area è stata sistemata e imbiancata anche la facciata della casa privata che confina con l’area comunale, facciata in cui un riquadro è stato lasciato bianco: potrebbe diventare un murale. «Vogliamo dare l’idea di un parco che si apre verso la comunità ­ ha concluso Biondo ­. Un parco vissuto in cui fermarsi a chiacchierare. Sarà inaugurato sabato 12 settembre quando entrerà in funzione la casetta dell’acqua. Stiamo pensando anche a una giusta intitolazione per un’area molto importante per l’amministrazione e per la comunità».

Eleonora Groppetti