Una tendopoli per i profughi al campo sportivo di Briona?

Una tendopoli per i profughi al campo sportivo di Briona?
21 Agosto 2015 ore 17:29

BRIONA – C’è preoccupazione in paese dopo che si è sparsa la notizia che a Briona potrebbe sorgere un centro di accoglienza per una cinquantina di cittadini stranieri irregolari. La Prefettura avrebbe individuato nell’area del campo sportivo (nella foto), inutilizzato da due anni, uno spazio idoneo a un insediamento per ospitare profughi. La possibile decisione  è stata comunicata al sindaco Maurizio Buriani nei giorni scorsi durante un incontro avvenuto in Prefettura, ed ha trovato la netta contrarietà degli amministratori comunali i quali temono che un soluzione di questo tipo creerà una serie di gravi problemi in un piccolo paese di poco più di mille abitanti. Il consigliere Cristiano Manica (il sindaco è al momento assente per le ferie) esprime il disappunto dell’Amministrazione comunale anche se afferma che «nulla è ancora deciso. E’ certo però che se la Prefettura deciderà di procedere su quella strada potremo fare ben poco per opporci anche se, in verità, il Consiglio si è già espresso in modo negativo. Al di là delle opinioni personali, siamo convinti che un insediamento di quel genere provocherà comunque un impatto negativo nella popolazione, da sempre abituata a vivere nella tranquillità dei piccoli centri agricoli».

Giancarlo Tornaco

Leggi di più sul Corriere di Novara di giovedì 20 agosto 2015 

BRIONA – C’è preoccupazione in paese dopo che si è sparsa la notizia che a Briona potrebbe sorgere un centro di accoglienza per una cinquantina di cittadini stranieri irregolari. La Prefettura avrebbe individuato nell’area del campo sportivo (nella foto), inutilizzato da due anni, uno spazio idoneo a un insediamento per ospitare profughi. La possibile decisione  è stata comunicata al sindaco Maurizio Buriani nei giorni scorsi durante un incontro avvenuto in Prefettura, ed ha trovato la netta contrarietà degli amministratori comunali i quali temono che un soluzione di questo tipo creerà una serie di gravi problemi in un piccolo paese di poco più di mille abitanti. Il consigliere Cristiano Manica (il sindaco è al momento assente per le ferie) esprime il disappunto dell’Amministrazione comunale anche se afferma che «nulla è ancora deciso. E’ certo però che se la Prefettura deciderà di procedere su quella strada potremo fare ben poco per opporci anche se, in verità, il Consiglio si è già espresso in modo negativo. Al di là delle opinioni personali, siamo convinti che un insediamento di quel genere provocherà comunque un impatto negativo nella popolazione, da sempre abituata a vivere nella tranquillità dei piccoli centri agricoli».

Giancarlo Tornaco

Leggi di più sul Corriere di Novara di giovedì 20 agosto 2015 

Dai una mano a
Da settimane, i giornalisti del tuo quotidiano online lavorano, senza sosta e con grande difficoltà, per garantirti un'informazione precisa e puntuale dal tuo territorio, sull’emergenza Coronavirus. Tutto questo avviene gratuitamente.
Adesso, abbiamo bisogno del tuo sostegno. Con un piccolo contributo volontario, puoi aiutare le redazioni impegnate a fornirti un'informazione di qualità. Grazie.

Scegli il tuo contributo:
Top news regionali
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei