Il caso del 2017

Uomo ucciso nei boschi di Ghemme: patteggia la donna che passò il fucile

Uomo ucciso nei boschi di Ghemme: patteggia la donna che passò il fucile
Novara, 18 Gennaio 2020 ore 10:30

Uomo ucciso nei boschi di Ghemme: patteggia la donna che passò il fucile. Si chiude il caso iniziato nell’ottobre 2017 con la tragedia di Gian Carlo Baragioli.

Uomo ucciso nei boschi di Ghemme: patteggia la donna che passò il fucile

L’omicidio nei boschi di Ghemme in cui perse la vita Gian Carlo Baragioli si chiude con un patteggiamento della ragazza che passò il proprio fucile al 19enne ghemmese (17enne all’epoca dei fatti) responsabile del colpo mortale. Per lui già nel 2018 il tribunale dei minori di Torino aveva accolto la richiesta di messa alla prova per annullare di fatto il processo.

La tragedia dell’8 ottobre 2017

L’8 ottobre 2017 la donna aveva passato il suo fucile a un minore durante una battuta di caccia al cinghiale nei boschi di Ghemme. Lui sparò, ma dietro il cespuglio non c’era un animale, bensì Gian Carlo Baragioli di Vicolungo che stava raccogliendo castagne con la moglie. L’uomo morì pressoché sul colpo. Adesso il caso si chiude con un patteggiamento a un anno di reclusione (con pena sospesa dalla condizionale) per il reato di concorso in omicidio colposo a carico di Cristina G., la 26enne di Carpignano Sesia che passò il fucile.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità