Cronaca

Urlava di notte in mezzo alla strada: denunciato

Urlava di notte in mezzo alla strada: denunciato
Cronaca 09 Aprile 2016 ore 13:21

CASTELLETTO – Denunciato per porto ingiustificato di un cacciavite di grandi dimensioni, per essersi rifiutato di fornire le proprie generalità e per aver disturbato il riposo notturno. Protagonista dell’episodio un marocchino di 33 anni, privo del permesso di soggiorno e senza fissa dimora.

Tutto è successo nella notte tra mercoledì e giovedì in località Verbanella a Castelletto, nel Novarese, quando alcuni residenti hanno chiesto l’intervento delle Forze dell’Ordine, perché un uomo in mezzo alla strada continuava a gridare senza sosta. Sul posto è giunto un equipaggio del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Arona dei Carabinieri. L’uomo è risultato visibilmente alticcio e si è rifiutato di comunicare le proprie generalità ai militari. I Carabinieri sono riusciti comunque a risalire all’identità dell’uomo, 33enne marocchino. Una volta perquisito, i militari gli hanno trovato addosso un grosso cacciavite. Sono così scattate le denunce.

mo.c.

CASTELLETTO – Denunciato per porto ingiustificato di un cacciavite di grandi dimensioni, per essersi rifiutato di fornire le proprie generalità e per aver disturbato il riposo notturno. Protagonista dell’episodio un marocchino di 33 anni, privo del permesso di soggiorno e senza fissa dimora.

Tutto è successo nella notte tra mercoledì e giovedì in località Verbanella a Castelletto, nel Novarese, quando alcuni residenti hanno chiesto l’intervento delle Forze dell’Ordine, perché un uomo in mezzo alla strada continuava a gridare senza sosta. Sul posto è giunto un equipaggio del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Arona dei Carabinieri. L’uomo è risultato visibilmente alticcio e si è rifiutato di comunicare le proprie generalità ai militari. I Carabinieri sono riusciti comunque a risalire all’identità dell’uomo, 33enne marocchino. Una volta perquisito, i militari gli hanno trovato addosso un grosso cacciavite. Sono così scattate le denunce.

mo.c.

Seguici sui nostri canali