Cronaca
Cordoglio

Verbania in lutto per Irene Magistrini, il ricordo del sindaco Marchionini

Il ricordo del sindaco di Verbania: il funerale è stato celebrato ieri, venerdì 27 maggio.

Verbania in lutto per Irene Magistrini, il ricordo del sindaco Marchionini
Cronaca VCO, 28 Maggio 2022 ore 07:10
Irene Magistrini, storica professoressa del Cobianchi di Verbania e presidente della Casa della Resistenza di Fondotoce, è morta mercoledì 25 maggio a 86 anni.

Addio alla storica prof. del Cobianchi Irene Magistrini

Mercoledì 25 maggio all'età di 86 anni è morta Irene Magistrini. La donna era stata una storica insegnante del Cobianchi di Verbania, era stata anche consigliere comunale e assessore alla pubblica istruzione, oltre che presidente della Casa della Resistenza di Fondotoce.
A ricordare la sua figura, per tutta la città, è stato il sindaco di Verbania, Silvia Marchionini, e nella serata di giovedì 26 maggio il Consiglio comunale cittadino ha rivolto un ringraziamento alla donna.
La voce un po' roca di Irene accompagnava una delicatezza di espressione in pubblico che sapeva affascinare chi la ascoltava. Irene aveva carisma ed è stata un'insegnante dell'impegno civile per tutta la vita. Ho conosciuto Irene, allora assessore alla pubblica Istruzione quando ero una studentessa del Cobianchi. Ho avuto modo di incrociarla negli anni in molte altre occasioni a Verbania. E quando l'età e l'affaticamento della malattia le impedivano la partecipazione avevi comunque la sensazione che Irene ci fosse. Penso che questa sensazione di una donna presente, su cui contare riguardi tanti verbanesi. Non risparmiava le energie Irene e questa intensità nel vivere le consentiva di costruire relazioni autentiche e di svolgere con autorevolezza l'attività istituzionale. I ragazzi che l'hanno avuta come docente di italiano e storia al Cobianchi la ricordano ora, a distanza di anni, con affetto per quanto fosse brava ad ascoltare e coinvolgere tutti gli alunni. Sono trascorsi oltre 25 anni dalla sua esperienza di assessore in un momento complicato per Verbania: tratti fondamentali erano la collaborazione con i dipendenti e una forte attenzione alla crescita delle scuole della città. Lo scambio proficuo fra politica e formazione era una grande intuizione: tutti al servizio della cosa pubblica per costruire una nuova classe dirigente provinciale capace di guardare lontano. Una visione politica chiara, l'impegno nel partito socialista, non la rendeva di parte, anzi capace di trovare sintesi e motivi di accordo con chi aveva appartenenze diverse. La terza dimensione del suo impegno pubblico si è espresso per decenni come Presidente e, fino a poco tempo fa, della Casa della Resistenza, sacrario del dovere di far conoscere, senza retorica, che cosa è stata la lotta di Liberazione ai più giovani. Irene è stata una protagonista di un periodo storico tormentato ma che oggi sembra assai migliore, o forse solo più semplice, di quello attuale; con la sua testimonianza ha anticipato, e preparato, la strada ad un ruolo non subalterno delle donne in politica in questo territorio. Resta forte la credibilità dei suoi atteggiamenti umani e del profondo legame con i verbanesi come un modello sempre attuale e di cui avere cura. Stasera il consiglio comunale di Verbania rivolgerà il giusto ringraziamento ad Irene, unendosi al cordoglio dei familiari e della città.
Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter