Vota il suo recupero

Villa Cavallini di Lesa è tra i candidati “Luogo del Cuore” del Fai GALLERY

Uno degli edifici di maggior pregio del Lago Maggiore

Villa Cavallini di Lesa è tra i candidati “Luogo del Cuore” del Fai GALLERY
Arona, 12 Maggio 2020 ore 06:29

C’è anche Villa Cavallini, nel Comune di Lesa, tra i candidati del censimento Luogodelcuore a cura del FAI – Fondo Ambiente Italiano.

I Luoghi del Cuore

“Già sede storica dell’attuale Istituto agrario cavallini – ricorda l’assessore all’Istruzione della Provincia di Novara Andrea Crivelli – questo edificio è uno di quelli di maggior pregio del nostro territorio. E’ importante che, attraverso il voto, si dia forza a questa candidatura: il riscontro del gradimento da parte del Fai consentirebbe infatti interventi di tutela e valorizzazione”.

CLICCA QUI PER ESPRIMERE LA TUA PREFERENZA PER LA VILLA

Un po’ di storia

Villa del tardo 1700 ristrutturata nel 1907 ad opera dell’architetto Annibale Rigotti. Appartenuta al Sen. Gaspare Cavallini (1817-1903) e poi ai suoi figli, tra cui Emilio, creatore delle Terme di Bognanco e selezionatore negli anni ’20 della razza canina Piccolo Levriero Italiano; nella maggior parte dei cani attuali si trovano ascendenze dell’allevamento “Solcio”. La sorella Adelaide, ultima erede, nel 1944 lascia la villa colma di mobili pregiati, collezioni di vario genere, trofei cinofili e l’immenso parco con rare specie botaniche, più numerose altre proprietà immobiliari del territorio al comune di Lesa, ma con il vincolo di istituire una scuola di agraria. Nel 1992 la scellerata scelta di spostare le lezioni in un nuovo orribile edificio, lasciando senza la minima manutenzione la villa in balia di piogge, trombe d’aria e sciacalli che per qualche euro asportano i pochi elementi artistici rimasti. Recentissima l’intenzione di smembrare il parco per speculazioni immobiliari.

6 foto Sfoglia la gallery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità