Volo spaventoso, fungiatt muore nel burrone

Volo spaventoso, fungiatt muore nel burrone
Cronaca 06 Settembre 2015 ore 10:11

QUARNA SOPRA - Perde l’equilibrio e precipita nel burrone compiendo un volo, mortale, di 150 metri. Tragedia nel Cusio giovedì mattina. A perdere la vita un cercatore di funghi lombardo. L’uomo, Roberto Zanzottera, 54 anni, di Legnano, di buona mattina era arrivato a Quarna Sopra con due amici per cercare funghi nella zona dell’Alpe Camasca. La disgrazia è avvenuta sul Monte Mazzuccone, a circa 1500 metri di altitudine. Il legnanese si trovava sulla cresta della cima quando ad un certo punto, forse per una distrazione, ha messo un piede in fallo ed è precipitato nel baratro, sotto gli occhi attoniti dei due compagni di gita. Un volo terribile, dalle rocce, risultato fatale per il fungiatt lombardo. La salma è stata recuperata intorno alle 11.30 dagli uomini del soccorso alpino della stazione di Omegna che hanno dovuto compiere diverse calate con le corde per raggiungere il fondo del burrone dove giaceva il corpo senza vita di Zanzottera che è stato poi trasportato in località Campello dall’elicottero del 118 e quindi all’obitorio dell’ospedale Madonna del Popolo di Omegna. Sulla dinamica dell’incidente indagano i Carabinieri anche se non vi sarebbero dubbi sull’accaduto. Si tratta della prima vittima stagionale tra i cercatori di funghi. Esattamente una settimana fa, precisamente giovedì 27 agosto, si era già registrato un brutto incidente con un settantaseienne di Turbigo, nel Milanese, che era precipitato nei boschi di Caprezzo, nell’alto Verbano: si trova tuttora ricoverato in gravi condizioni nel Reparto di Rianimazione dell'ospedale Maggiore di Novara.

m.d.a.

QUARNA SOPRA - Perde l’equilibrio e precipita nel burrone compiendo un volo, mortale, di 150 metri. Tragedia nel Cusio giovedì mattina. A perdere la vita un cercatore di funghi lombardo. L’uomo, Roberto Zanzottera, 54 anni, di Legnano, di buona mattina era arrivato a Quarna Sopra con due amici per cercare funghi nella zona dell’Alpe Camasca. La disgrazia è avvenuta sul Monte Mazzuccone, a circa 1500 metri di altitudine. Il legnanese si trovava sulla cresta della cima quando ad un certo punto, forse per una distrazione, ha messo un piede in fallo ed è precipitato nel baratro, sotto gli occhi attoniti dei due compagni di gita. Un volo terribile, dalle rocce, risultato fatale per il fungiatt lombardo. La salma è stata recuperata intorno alle 11.30 dagli uomini del soccorso alpino della stazione di Omegna che hanno dovuto compiere diverse calate con le corde per raggiungere il fondo del burrone dove giaceva il corpo senza vita di Zanzottera che è stato poi trasportato in località Campello dall’elicottero del 118 e quindi all’obitorio dell’ospedale Madonna del Popolo di Omegna. Sulla dinamica dell’incidente indagano i Carabinieri anche se non vi sarebbero dubbi sull’accaduto. Si tratta della prima vittima stagionale tra i cercatori di funghi. Esattamente una settimana fa, precisamente giovedì 27 agosto, si era già registrato un brutto incidente con un settantaseienne di Turbigo, nel Milanese, che era precipitato nei boschi di Caprezzo, nell’alto Verbano: si trova tuttora ricoverato in gravi condizioni nel Reparto di Rianimazione dell'ospedale Maggiore di Novara.

m.d.a.