Novità

A Baveno iniziano gli incontri per la consegna dei cartelli Mab

Un'iniziativa di promozione turistica senza precedenti

A Baveno iniziano gli incontri per la consegna dei cartelli Mab
Cultura VCO, 14 Giugno 2021 ore 07:00

A Baveno iniziano gli incontri con i Comuni del Vco che riceveranno i cartelli della Riserva della biosfera Ticino Val Grande Verbano.

A Baveno al via gli incontri con i Comuni per i cartelli della rete Mab

Nel pomeriggio dello scorso 10 giugno il municipio di Baveno ha ospitato l’incontro per la consegna delle pellicole adesive indicative del riconoscimento Mab Unesco destinate ad essere collocate presso gli ingressi cittadini dei Comuni appartenenti alla Riserva della Biosfera Ticino Val Grande Verbano. L’iniziativa è parte di una serie di incontri volti a fornire un segnale tangibile della presenza di questa preziosa attestazione relativa al loro territorio alle municipalità facenti parte della nostra Riserva della Biosfera, riconosciuta nel 2018 dall’UNESCO nella sua nuova estensione nell’ambito del programma “Man and Biosphere” (Mab). La consegna di questa cartellonistica e dei relativi layout è infatti presente nel piano di azione della Riserva Mab, nella parte dedicata alle azioni di comunicazione off-line, che prevede anche delle sedute di consultazione dei soggetti coinvolti. La nuova cartellonistica turistica è destinata a comparire in corrispondenza degli accessi urbani dei Comuni Mab per accrescere la consapevolezza da parte dei visitatori e cittadini di trovarsi all’interno di un territorio eccezionale - la cui straordinarietà da un punto di vista naturalistico, paesaggistico e della biodiversità è stata riconosciuta dall’Unesco, entrando a far parte ufficialmente della rete mondiale delle Riserve di Biosfera.

Molti Comuni del Vco hanno partecipato

All’evento hanno preso parte i sindaci di Baveno, Ornavasso, Re, Stresa e Verbania, accolti in rappresentanza della Riserva MAB dal Presidente della Comunità del Parco Ticino Lago Maggiore Sergio Ferrari e dalla consigliera dell’Ente di gestione delle aree protette del Ticino e del Lago Maggiore Anna Maria Ferrato per il quale “l’incontro ha costituito una preziosa occasione di incontro e di condivisione con gli enti coinvolti, utile a portare a conoscenza di tutti le molteplici opportunità che da tale attestazione derivano sia per effetto dell’appartenenza alla rete mondiale delle Riserve Mab, sia in termini di possibilità di accesso a risorse economiche aggiuntive per enti pubblici, imprese e per tutti gli attori territoriali coinvolti negli ambiti che riguardano la sostenibilità e lo sviluppo locale”.

Un'occasione per fare il punto della situazione

L’iniziativa è stata inoltre un momento importante per fare il punto sulle attività svolte dalla Riserva della Biosfera nell’ultimo anno e confrontarsi sui molteplici ambiti di intervento in cui opera, offrendo numerosi spunti di collaborazione e progettazione comune. È stata inoltre un’occasione per ricordare come l’appartenenza alla rete mondiale delle Riserve della Biosfera Unesco oggi non rappresenti soltanto la possibilità di fregiarsi di un ‘brand’ ormai ben noto a livello internazionale su cui tante regioni hanno costruito importanti economie turistiche e commerciali: è anche un’opportunità senza precedenti di accedere a risorse economiche sempre più significative per accrescere il benessere socio-economico e la qualità ambientale del nostro territorio in un momento storico in cui l’attenzione per l’ambiente e per modalità di vita più resilienti è al centro delle agende politiche e del dibattito pubblico. La presenza tangibile di questo riconoscimento grazie alla segnaletica turistica di prossima collocazione ci ricorda ogni giorno il privilegio di vivere in un'area che costituisce un laboratorio privilegiato di sperimentazione di buone pratiche per la convivenza tra l’uomo e la natura, con la conseguente responsabilità di trasmettere alle giovani generazioni la consapevolezza di dover custodire l’incredibile patrimonio che abbiamo e di utilizzare in maniera sostenibile le risorse a nostra disposizione per costruire una società più vivibile ed equa per tutti.