Cultura
Novità

A Castelletto un altro Natale senza il presepe vivente, sarà il terzo di fila

Le associazioni di rione e la Pro loco necessitano di forze fresche per poter organizzare la manifestazione

A Castelletto un altro Natale senza il presepe vivente, sarà il terzo di fila
Cultura Arona, 19 Novembre 2022 ore 07:00

A Castelletto anche quest'anno non si terrà la tradizionale manifestazione natalizia dal titolo "Riviviamo Betlemme". L'ultima volta che è stato possibile organizzare il presepe vivente era il 2019.

Il presepe vivente non ci sarà

Manca ormai poco più di un mese al Natale e in paese molti si chiedono come saranno i festeggiamenti di quest’anno. La tradizione più importante legata al Natale è sicuramente quella di “Riviviamo Betlemme”, il meraviglioso presepe vivente che ad annate alterne trasforma le strade del centro in quelle della Natività, con costumi storici, oggetti d’epoca, animali e decine di figuranti. Ma purtroppo la manifestazione quest'anno non avrà luogo.

L'intervento della Pro loco

"Purtroppo organizzare quest’anno la manifestazione sarebbe stato molto difficile - dice Simone Freddi, presidente della Pro loco, che per tradizione insieme al Comune coordina l’iniziativa - i volontari delle associazioni di rione, che materialmente seguono il tutto, sono sempre meno e nei rioni stessi manca il ricambio generazionale. La Pro loco poi dovrà procedere all’elezione di un nuovo direttivo". Riviviamo Betlemme si è svolta l’ultima volta nel 2019, poi la pandemia e i suoi effetti negativi sulle associazioni hanno portato a uno stallo.

Le parole dell'assessora Zarini

A spiegare meglio la situazione e ad allargare il discorso alle luminarie e alle altre iniziative previste è l’assessora alla cultura Alessandra Zarini. "Purtroppo quest’anno il presepe vivente non ci sarà - dice - i problemi che vivono le nostre associazioni non sono insormontabili, ma per salvaguardare questa tradizione ci sarà bisogno per il futuro di chiudere questa fase di rinnovamento dei direttivi, di un maggiore coordinamento tra i gruppi e della volontà dei sodalizi di darsi una mano a vicenda in vista dell’obiettivo. E’ al vaglio anche l’idea di costituire un comitato che segua tutta l’organizzazione del presepe".

Seguici sui nostri canali