Cultura
Fondazione Comunità Novarese

A Nibbiola, al via la raccolta fondi per il restauro della chiesa di Santa Caterina

Una piccola comunità che si mobilita per un proprio Bene.

A Nibbiola, al via la raccolta fondi per il restauro della chiesa di Santa Caterina
Cultura Basso Novarese, 25 Gennaio 2022 ore 11:38

A Nibbiola, al via la raccolta fondi per il restauro e la valorizzazione della chiesa di Santa Caterina. Aperto un progetto ComunitAttiva presso Fondazione Comunità Novarese che sostiene il progetto di riqualificazione del Bene.

Il restauro

Una piccola comunità che si mobilita per un proprio Bene. Al via, infatti, la raccolta fondi sul progetto “La devozione alla Madonna del Rosario nella Chiesa di Santa Caterina a Nibbiola” (NO) promosso dalla Parrocchia Maria Vergine Assunta di Nibbiola.
Il progetto di restauro e valorizzazione ha destato l’attenzione di Fondazione Comunità Novarese onlus che, a oggi, ha deciso di sostenerne la raccolta attraverso la creazione di un progetto ComunitAttiva e il sostegno nella promozione dell’iniziativa.
La chiesa di Santa Caterina di Nibbiola, a una navata, abside piatto e sei cappelle laterali e un battistero, è di epoca tardo cinquecentesca. Interamente dipinta e decorata con stucchi propone, nell'abside, affreschi che risalgono al 1594 mentre la decorazione pittorica del resto dell’edificio è più recente e si deve ai pittori Carlo Pesce di Spinetta Marengo e Vincenzo Gianolio da Vercelli.

La costruzione di una cappella dedicata al Santo Rosario, interamente in stucchi, e la costituzione della Compagnia del Santo Rosario (ancora oggi esistente) sono collegate alla diffusione seicentesca di questo culto. Al suo interno, già prima del 1693, venne collocato il dipinto olio su tela raffigurante la Madonna del Rosario con i santi Domenico e Caterina. Le decorazioni originali, purtroppo, risentono delle modifiche e del gusto estetico delle successive fasi decorative, avviate nel XIX e XX secolo.

Il progetto che oggi propone la Parrocchia di Nibbiola (il restauro della Cappella della Madonna del
Rosario) rappresenta uno dei lotti di un progetto di restauro complessivo dell'apparato decorativo della chiesa e si pone l’obiettivo di riportare allo splendore originario la cappella rimuovendo i segni del tempo e le decorazioni successive, riportando il tutto all’originale bellezza seicentesca.
“Vorremmo suscitare, con questo progetto, – spiega il parroco Don Diego Lauretta – il coinvolgimento soprattutto nei giovani, al fine di proseguire, nei prossimi anni, l’opera di restauro e tutela dell’intera chiesa. Con la primavera si inizierà la sistemazione del tetto e delle facciate, per poi proseguire internamente. Ci attiveremo anche per proporre eventi per valorizzare la storia e la cultura della nostra comunità; una comunità piccola che ha, però, radici profonde”.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter