A Novara e Pernate un suggestivo tuffo nel Medioevo

A Novara e Pernate un suggestivo tuffo nel Medioevo
Cultura 08 Giugno 2015 ore 13:27

NOVARA  - Sabato 6 e ieri, domenica 7 giugno, i centri di Novara e Pernate si sono trasformati in borghi medievali in occasione della prima edizione della festa in costume “Pernate in borgo”, iniziativa promossa dalla Pro Loco di Pernate “I 4 cantoni” in collaborazione con l’ufficio Sport di Novara che ha unito cultura, tradizione, sport, enogastronomia e spettacolo. All’evento, realizzato in un anno di lavoro, hanno partecipato gruppi folkroristici come l’Associazione Rinascimento del Borgo, la Compagnia della Vergine, gli Sbandieratori di San Sepolcro e i Balestrieri di Gubbio, che hanno attirato molti novaresi e turisti, affascinati dalla particolare atmosfera del momento.  «Con questo evento – ha detto il tesoriere della Pro Loco di Pernate Giorgio Ciarini – abbiamo pensato di riproporre l’epoca medievale e mettere insieme diverse realtà per proporre qualcosa che potesse essere di interesse e per presentare cultura ed enogastronomia locale, di solito le feste medievali sono popolari. Tutto questo è stato possibile grazie al supporto del Comune di Novara, la sola Pro Loco, infatti, non avrebbe potuto realizzare un evento di questa portata».

La manifestazione, che ha riunito 220 figuranti in due giorni, è iniziata sabato nel centro di Novara con un lungo corteo che da piazza Cavour è arrivato in piazza della Repubblica, dove erano presenti per l’occasione il sindaco di Novara Andrea Ballarè, l’assessore allo Sport Rossano Pirovano, l’assessore al Turismo Sara Paladini e l’assessore alla Cultura Paola Turchelli, oltre ai membri della Pro Loco. Protagonisti di questo momento gli Sbandieratori di San Sepolcro, che si sono esibiti con le loro bandiere colorate in un suggestivo spettacolo. La festa è poi “entrata nel vivo” a Pernate, dove c’è stato spazio per l’enogastronomia locale, con la rievocazione storica di un mercato di accampamenti bellici e l’esibizione dei gruppi partecipanti, a cui è seguita la competizione dei balestrieri e l’esibizione degli sbandieratori. L’evento si è concluso con la premiazione dei partecipanti alla manifestazione.

Benedetta Rosina  

NOVARA  - Sabato 6 e ieri, domenica 7 giugno, i centri di Novara e Pernate si sono trasformati in borghi medievali in occasione della prima edizione della festa in costume “Pernate in borgo”, iniziativa promossa dalla Pro Loco di Pernate “I 4 cantoni” in collaborazione con l’ufficio Sport di Novara che ha unito cultura, tradizione, sport, enogastronomia e spettacolo. All’evento, realizzato in un anno di lavoro, hanno partecipato gruppi folkroristici come l’Associazione Rinascimento del Borgo, la Compagnia della Vergine, gli Sbandieratori di San Sepolcro e i Balestrieri di Gubbio, che hanno attirato molti novaresi e turisti, affascinati dalla particolare atmosfera del momento.  «Con questo evento – ha detto il tesoriere della Pro Loco di Pernate Giorgio Ciarini – abbiamo pensato di riproporre l’epoca medievale e mettere insieme diverse realtà per proporre qualcosa che potesse essere di interesse e per presentare cultura ed enogastronomia locale, di solito le feste medievali sono popolari. Tutto questo è stato possibile grazie al supporto del Comune di Novara, la sola Pro Loco, infatti, non avrebbe potuto realizzare un evento di questa portata».

La manifestazione, che ha riunito 220 figuranti in due giorni, è iniziata sabato nel centro di Novara con un lungo corteo che da piazza Cavour è arrivato in piazza della Repubblica, dove erano presenti per l’occasione il sindaco di Novara Andrea Ballarè, l’assessore allo Sport Rossano Pirovano, l’assessore al Turismo Sara Paladini e l’assessore alla Cultura Paola Turchelli, oltre ai membri della Pro Loco. Protagonisti di questo momento gli Sbandieratori di San Sepolcro, che si sono esibiti con le loro bandiere colorate in un suggestivo spettacolo. La festa è poi “entrata nel vivo” a Pernate, dove c’è stato spazio per l’enogastronomia locale, con la rievocazione storica di un mercato di accampamenti bellici e l’esibizione dei gruppi partecipanti, a cui è seguita la competizione dei balestrieri e l’esibizione degli sbandieratori. L’evento si è concluso con la premiazione dei partecipanti alla manifestazione.

Benedetta Rosina