Cultura
La novità

Cannavacciuolo all'Opera, sono inziate le prove per il Coccia

La prima opera live cooking andrà in scena il 10 novembre.

Cannavacciuolo all'Opera, sono inziate le prove per il Coccia
Cultura Novara, 28 Ottobre 2019 ore 11:58

Cannavacciuolo all'Opera, sono inziate le prove per lo spettacolo al Coccia del 10 novembre.

Cannavacciuolo all'Opera

Sono iniziate venerdì 25 ottobre con il compositore e direttore Valentino Corvino le prove di «Mettici il cuore. Cannavacciuolo all’Opera», la prima opera live cooking ideata e prodotta da Fondazione teatro Coccia, che andrà in scena domenica 10 novembre alle 20.30 e vedrà protagonista lo chef Antonino Cannavacciuolo. In vista della prima prova musicale i cantanti si sono recati a Villa Crespi per fare la conoscenza dello chef e prendere dimestichezza con la cucina: anche il cast artistico, infatti, interpretando il ruolo di aspiranti cuochi in un corso di cucina, dovrà destreggiarsi non solo sul palcoscenico, ma anche tra i fornelli. Un’opera in prima assoluta commissionata a un giovane compositore italiano, un’opera multidisciplinare per stimolare il dialogo e creare interazione tra diversi generi e generazioni.

La storia

La scena si svolge nella cucina dello chef – riprodotta sul palco del Coccia - aperta a un ciclo di lezioni a numero chiuso. Le storie dei protagonisti si intrecciano per dare vita a un’opera lirica che in sintesi racconta il viaggio di formazione di un giovane che grazie all'incontro con lo chef Cannavacciuolo capirà che la buona tavola, come la grande musica, ha regole antiche e segreti da capire in profondità, al di là di ogni apparenza. Nel ruolo di Mimì, assistente dello chef, Federica Guida; Samantha, ricca signora un po’ viziata, è Elena Belfiore; Narciso, aspirante food blogger è Ilham Nazarov; Furio, ingegnere di mezza età che spera di crearsi una nuova vita, è Federico Sacchi; Rudy, studente fuori corso, protagonista della storia d’amore con Mimì, è Riccardo Della Sciucca. Cannavacciuolo calca per la prima volta le scene di un teatro d'opera e creerà sul palco, per la durata del racconto, uno dei suoi piatti più celebri: le linguine con calamaretti spillo e salsa di pane di segale. Il suo live cooking s'inserisce nella regia di Roberto Recchia e Umberto Spinazzola, compito dei quali sarà raccontare visivamente il passaggio verso una vita piena di colori e di sapori; al giornalista Luca Baccolini è affidato il soggetto mentre il libretto è a firma di Vincenzo De Vivo; ruolo decisivo quello di Valentino Corvino autore della partitura e direttore dell’esecuzione. In buca l’Orchestra del Teatro Coccia. L’opera è prodotta in collaborazione con Stm.