Cultura

Con il “Settembre farese” torna la “Festa dell’Uva” a Fara

Con il “Settembre farese” torna la “Festa dell’Uva” a Fara
Cultura 04 Settembre 2015 ore 09:15

FARA NOVARESE - Una tradizione che a Fara mancava da 22 anni e che quest’anno, finalmente, grazie all’associazione “FaraDoc” e all’associazione dei rioni “Fara Nostrum”, torna.

Stiamo parlando della festa dell’Uva, conosciuta a livello nazionale. L’evento, presentato a Palazzo Natta, sede della Provincia di Novara, rientra nel “Settembre farese”. Un piccolo riavvio delle vecchie tradizioni si era già avuto nel 2014 con le “Faresiadi”, programma di giochi (tennis, pallavolo, ping pong e calcio). Ora il calendario si amplia con eventi sino al 13 settembre. A parlarne il sindaco Ennio Prolo (l’evento ha il patrocinio del Comune), il presidente della Provincia, Matteo Besozzi, i presidenti di “Fara Nostrum”, Paolo Ferrari, e di “FaraDoc”, Aldo Dessilani. «Si riparte dal “Settembre farese” – ha riferito Prolo - con le “Faresiadi”, olimpiadi tra i 4 rioni di Fara (“Campanin cun strà vègia”, “Trenu, Navili, Suèt”, “Biscione” e “Castello con pizzo”)». Le “Faresiadi” sono iniziate domenica 30 agosto e proseguiranno sino al 13 settembre. Il tutto si svolgerà nella zona dell’Antico Mulino-piazzale della Posta. La “Festa dell’Uva” partirà venerdì 11 settembre. Non ci saranno i carri come un tempo, ma l’obiettivo è poterli riavere già nel 2016. La sera dell’11, cena e spettacolo musicale, replica anche sabato 12. Domenica 13, alle 10, apertura della fiera con prodotti tipici ed eccellenze del territorio, ma anche un’escursione tra i vigneti del Fara Doc.

mo.c.


FARA NOVARESE - Una tradizione che a Fara mancava da 22 anni e che quest’anno, finalmente, grazie all’associazione “FaraDoc” e all’associazione dei rioni “Fara Nostrum”, torna.

Stiamo parlando della festa dell’Uva, conosciuta a livello nazionale. L’evento, presentato a Palazzo Natta, sede della Provincia di Novara, rientra nel “Settembre farese”. Un piccolo riavvio delle vecchie tradizioni si era già avuto nel 2014 con le “Faresiadi”, programma di giochi (tennis, pallavolo, ping pong e calcio). Ora il calendario si amplia con eventi sino al 13 settembre. A parlarne il sindaco Ennio Prolo (l’evento ha il patrocinio del Comune), il presidente della Provincia, Matteo Besozzi, i presidenti di “Fara Nostrum”, Paolo Ferrari, e di “FaraDoc”, Aldo Dessilani. «Si riparte dal “Settembre farese” – ha riferito Prolo - con le “Faresiadi”, olimpiadi tra i 4 rioni di Fara (“Campanin cun strà vègia”, “Trenu, Navili, Suèt”, “Biscione” e “Castello con pizzo”)». Le “Faresiadi” sono iniziate domenica 30 agosto e proseguiranno sino al 13 settembre. Il tutto si svolgerà nella zona dell’Antico Mulino-piazzale della Posta. La “Festa dell’Uva” partirà venerdì 11 settembre. Non ci saranno i carri come un tempo, ma l’obiettivo è poterli riavere già nel 2016. La sera dell’11, cena e spettacolo musicale, replica anche sabato 12. Domenica 13, alle 10, apertura della fiera con prodotti tipici ed eccellenze del territorio, ma anche un’escursione tra i vigneti del Fara Doc.

mo.c.