Emozioni novaresi dal palco di Expo

Emozioni novaresi dal palco di Expo
Cultura 22 Maggio 2015 ore 17:12

Emozioni tutte novaresi “in diretta” da Expo 2015. Ha infatti debuttato in questi giorni, sull’imponente palco dell’Open air theatre, l’artista 26enne novarese Marco Migliavacca, attore protagonista di “Allavita!”, l’evento-show che il Cirque du Soleil ha realizzato in esclusiva per l’esposizione universale di Milano sul tema “Nutrire il pianeta, energia per la vita”. Giovedì sera 14 maggio l’anteprima (aperta alla stampa e ai familiari del cast internazionale); sabato 16 maggio dalle 21 ‘la prima’ davanti a un pubblico di 8.000 spettatori paganti, finita con una standing ovation. Poi ancora, in scena domenica sera 17 maggio e da ieri, mercoledì 20, repliche al via per cinque sere a settimana (tranne il lunedì e il martedì) fino al prossimo 30 agosto. Un ora e mezza di spettacolo straordinario e imperdibile, garantito dal ‘marchio Cirque’. In scena 48 artisti (dei quali 23 italiani) per 200 costumi e 500 accessori. Tra loro si muove Migliavacca, il “one man show made in Novara”. «Una grande emozione, ma sul palco mi sento a mio agio – il suo commento a caldo – Giovedì per noi è stata una prova generale, anche se emotivamente particolare sapendo di avere tra il pubblico familiari e amici. Sabato, finalmente, ‘la prima’: non avevo paura ma solo tanta grinta e voglia di dimostrare, così come tutti i colleghi sul palco, i frutti del duro e lungo lavoro delle settimane precedenti. Otto-dieci ore al giorno di prove a dimostrazione della grande professionalità del Cirque e dell’alto livello artistico richiesto. Lavorare per il Cirque du Soleil, oltre che un sogno, mi fa sentire accolto in una grande famiglia: si lavora a contatto con grandi professionisti in un ambiente incredibilmente ‘solare’. Basti dire che, al termine della prima, il Cirque ci ha dedicato una fantastica festa di fine serata. Poi però, domenica pomeriggio, tutti all’appello, al lavoro pronti per la serata». Marco impersona il protagonista Leo, «un bambino che riceve dalla nonna un seme magico da cui nasce l’amico immaginario Farro, simbolo di Madre Natura e della Terra, che lo accompagna in un mondo fantastico dove imparerà i valori della vita e del mondo e come prendersi cura del Pianeta senza sprecarne fonti energetiche e risorse». Ad “Allavita!” lavorano 150 persone: «Siamo contenti del successo riscontrato tra la critica. La stampa ha infatti ‘promosso’ lo spettacolo; abbiamo convinto anche i più scettici che facevano notare gli 8 milioni di euro di costo di questo show – tiene a sottolineare Migliavacca – Lo spettacolo si avvale di molta tecnologia, con videoproiezioni oltre a musica, luci, costumi, make up, tutti rigorosamente originali e realizzati ‘ad hoc’ per questo spettacolo firmato dalla regista americana Krista Monson». Migliavacca è stato subito proiettato in una dimensione nuova: «Ho già rilasciato decine di interviste, mi sono già rivisto in tv. I miei familiari sono orgogliosi e molto contenti… tutte sensazioni bellissime, ma resto il Marco di sempre», confida. I biglietti per lo spettacolo sono acquistabili sul sito ufficiale di Expo 2015. 

Arianna Martelli

Emozioni tutte novaresi “in diretta” da Expo 2015. Ha infatti debuttato in questi giorni, sull’imponente palco dell’Open air theatre, l’artista 26enne novarese Marco Migliavacca, attore protagonista di “Allavita!”, l’evento-show che il Cirque du Soleil ha realizzato in esclusiva per l’esposizione universale di Milano sul tema “Nutrire il pianeta, energia per la vita”. Giovedì sera 14 maggio l’anteprima (aperta alla stampa e ai familiari del cast internazionale); sabato 16 maggio dalle 21 ‘la prima’ davanti a un pubblico di 8.000 spettatori paganti, finita con una standing ovation. Poi ancora, in scena domenica sera 17 maggio e da ieri, mercoledì 20, repliche al via per cinque sere a settimana (tranne il lunedì e il martedì) fino al prossimo 30 agosto. Un ora e mezza di spettacolo straordinario e imperdibile, garantito dal ‘marchio Cirque’. In scena 48 artisti (dei quali 23 italiani) per 200 costumi e 500 accessori. Tra loro si muove Migliavacca, il “one man show made in Novara”. «Una grande emozione, ma sul palco mi sento a mio agio – il suo commento a caldo – Giovedì per noi è stata una prova generale, anche se emotivamente particolare sapendo di avere tra il pubblico familiari e amici. Sabato, finalmente, ‘la prima’: non avevo paura ma solo tanta grinta e voglia di dimostrare, così come tutti i colleghi sul palco, i frutti del duro e lungo lavoro delle settimane precedenti. Otto-dieci ore al giorno di prove a dimostrazione della grande professionalità del Cirque e dell’alto livello artistico richiesto. Lavorare per il Cirque du Soleil, oltre che un sogno, mi fa sentire accolto in una grande famiglia: si lavora a contatto con grandi professionisti in un ambiente incredibilmente ‘solare’. Basti dire che, al termine della prima, il Cirque ci ha dedicato una fantastica festa di fine serata. Poi però, domenica pomeriggio, tutti all’appello, al lavoro pronti per la serata». Marco impersona il protagonista Leo, «un bambino che riceve dalla nonna un seme magico da cui nasce l’amico immaginario Farro, simbolo di Madre Natura e della Terra, che lo accompagna in un mondo fantastico dove imparerà i valori della vita e del mondo e come prendersi cura del Pianeta senza sprecarne fonti energetiche e risorse». Ad “Allavita!” lavorano 150 persone: «Siamo contenti del successo riscontrato tra la critica. La stampa ha infatti ‘promosso’ lo spettacolo; abbiamo convinto anche i più scettici che facevano notare gli 8 milioni di euro di costo di questo show – tiene a sottolineare Migliavacca – Lo spettacolo si avvale di molta tecnologia, con videoproiezioni oltre a musica, luci, costumi, make up, tutti rigorosamente originali e realizzati ‘ad hoc’ per questo spettacolo firmato dalla regista americana Krista Monson». Migliavacca è stato subito proiettato in una dimensione nuova: «Ho già rilasciato decine di interviste, mi sono già rivisto in tv. I miei familiari sono orgogliosi e molto contenti… tutte sensazioni bellissime, ma resto il Marco di sempre», confida. I biglietti per lo spettacolo sono acquistabili sul sito ufficiale di Expo 2015. 

Arianna Martelli