Cultura
Idea

"heArt" un Linkedin dell'arte: il progetto aronese

Per mettere in comunicazione artisti, professionisti che lavorano nell’ambito dell’Arte e spettatori.

"heArt" un Linkedin dell'arte: il progetto aronese
Cultura Arona, 27 Settembre 2021 ore 06:38

Un progetto di respiro internazionale nato tra Arona e Stresa. Si chiama "heArt" e i promotori sono Matteo Forte e Marco Bielli con Michele Mezzina che si è occupato dello sviluppo del sito e delle app per IoS e Android.

Il progetto

"Si tratta di un'idea nata in piena pandemia - raccontano - dalla volontà di costituire un social che sia da un lato una sorta di Linkedin dell’Arte per gli artisti e tutti i professionisti che lavorano nell’ambito dell’Arte e dall’altro una forma di intrattenimento di qualità per tutti gli amanti dell’arte e dello spettacolo. Nel suo vivace evolversi registrato in questi mesi heArt sta diventando un progetto a respiro internazionale che mira anche al coinvolgimento di realtà aziendali non strettamente legate al settore dell’arte ma che vogliono offrire l’arte come forma di intrattenimento e rewarding ai propri dipendenti".

La piattaforma è raggiungibile al link www.heart-social.com o scaricando l'app ‘heArt social’ su App Store o Google Play con funzioni analoghe ai social esistenti e alcune peculiarità: le opere/performance, per esempio, non possono essere commentate pubblicamente da altri utenti ma solo apprezzate con un sistema di valutazione da 1 a 5 ‘cuori’ e chiunque, aziende o istituzioni culturali e dell’arte o privati potranno inserire opportunità professionali rivolte ad artisti.

Il progetto heArt è coadiuvato da un 'Osservatorio scientifico', un qualificato gruppo di indirizzo, di cui fanno parte personalità come il professor Gianni Canova (Rettore dell’Università IULM); il professor Giacomo Manzoli (Direttore del DAR già DAMS di Bologna); la dottoressa Luisa Vinci (Direttore Generale dell’Accademia Teatro alla Scala); il professor Roberto Favaro (Direttore della Civica Scuola di Musica ‘Claudio Abbado’) e lo stesso Matteo Forte.