Cultura

I migliori vini dell'Alto Piemonte si sfidano alla Camera di Commercio

I migliori vini dell'Alto Piemonte si sfidano alla Camera di Commercio
Cultura 19 Ottobre 2016 ore 15:27

NOVARA - Si svolgerà venerdì 28 ottobre, alle ore 9.30 alla Camera di Commercio la cerimonia di apertura della sesta edizione del Concorso Enologico “Calice d’Oro dell’Alto Piemonte”, manifestazione promossa dall'ente camerale di Novara, in accordo con quelli di Biella e Vercelli e del Verbano Cusio Ossola, con il supporto operativo di Assoenologi, partner tecnico dell’iniziativa.

Il concorso è riservato esclusivamente ai vini d.o.c. e d.o.c.g. prodotti da aziende aventi sede nelle province di Novara, Biella, Verbano Cusio Ossola e Vercelli. Venti le aziende che si sfideranno quest’anno per la conquista dell’ambito trofeo, per un totale di quarantacinque campioni, così suddivisi nelle tre categorie previste dal regolamento del concorso: otto in quella Colline Novaresi, Coste della Sesia e Valli Ossolane d.o.c. bianchi; venti in Colline Novaresi, Coste della Sesia e Valli Ossolane d.o.c. rossi e rosati; diciassette in Nebbioli da invecchiamento (Gattinara d.o.c.g., Ghemme d.o.c.g., Boca d.o.c., Bramaterra d.o.c., Fara d.o.c., Lessona d.o.c., Sizzano d.o.c.).

Le operazioni di selezione saranno affidate a tre commissioni, ognuna delle quali composta da un giornalista e sei enologi (di cui due operanti nelle province interessate dal concorso), sotto la presidenza dell’Associazione Enologi Enotecnici Italiani.

A tutti i vini che conseguiranno il punteggio complessivo di almeno 80 centesimi – corrispondenti all’aggettivazione “ottimo” in base al metodo di valutazione Union Internationale des Oenologues – sarà assegnato un diploma di merito.

Al vino di ogni categoria che otterrà il miglior punteggio, purché abbia raggiunto il minimo di 85 centesimi, sarà attribuito il trofeo “Calice d’Oro dell’Alto Piemonte” 2016.

Nella precedente edizione il riconoscimento è stato conferito ai vini Colline Novaresi d.o.c. bianco “Particella 40” dell’azienda agricola Bianchi Cecilia di Briona, Colline Novaresi d.o.c. Nebbiolo “Valentina” 2010 de Il Roccolo di Mezzomerico e Ghemme d.o.c.g. “Chioso Dei Pomi” 2008 di Rovellotti Viticoltori in Ghemme, mentre sono stati trentotto i vini premiati con un diploma di merito.

NOVARA - Si svolgerà venerdì 28 ottobre, alle ore 9.30 alla Camera di Commercio la cerimonia di apertura della sesta edizione del Concorso Enologico “Calice d’Oro dell’Alto Piemonte”, manifestazione promossa dall'ente camerale di Novara, in accordo con quelli di Biella e Vercelli e del Verbano Cusio Ossola, con il supporto operativo di Assoenologi, partner tecnico dell’iniziativa.

Il concorso è riservato esclusivamente ai vini d.o.c. e d.o.c.g. prodotti da aziende aventi sede nelle province di Novara, Biella, Verbano Cusio Ossola e Vercelli. Venti le aziende che si sfideranno quest’anno per la conquista dell’ambito trofeo, per un totale di quarantacinque campioni, così suddivisi nelle tre categorie previste dal regolamento del concorso: otto in quella Colline Novaresi, Coste della Sesia e Valli Ossolane d.o.c. bianchi; venti in Colline Novaresi, Coste della Sesia e Valli Ossolane d.o.c. rossi e rosati; diciassette in Nebbioli da invecchiamento (Gattinara d.o.c.g., Ghemme d.o.c.g., Boca d.o.c., Bramaterra d.o.c., Fara d.o.c., Lessona d.o.c., Sizzano d.o.c.).

Le operazioni di selezione saranno affidate a tre commissioni, ognuna delle quali composta da un giornalista e sei enologi (di cui due operanti nelle province interessate dal concorso), sotto la presidenza dell’Associazione Enologi Enotecnici Italiani.

A tutti i vini che conseguiranno il punteggio complessivo di almeno 80 centesimi – corrispondenti all’aggettivazione “ottimo” in base al metodo di valutazione Union Internationale des Oenologues – sarà assegnato un diploma di merito.

Al vino di ogni categoria che otterrà il miglior punteggio, purché abbia raggiunto il minimo di 85 centesimi, sarà attribuito il trofeo “Calice d’Oro dell’Alto Piemonte” 2016.

Nella precedente edizione il riconoscimento è stato conferito ai vini Colline Novaresi d.o.c. bianco “Particella 40” dell’azienda agricola Bianchi Cecilia di Briona, Colline Novaresi d.o.c. Nebbiolo “Valentina” 2010 de Il Roccolo di Mezzomerico e Ghemme d.o.c.g. “Chioso Dei Pomi” 2008 di Rovellotti Viticoltori in Ghemme, mentre sono stati trentotto i vini premiati con un diploma di merito.

Seguici sui nostri canali