"Il Mago di Oz" al Teatro Coccia

"Il Mago di Oz" al Teatro Coccia
Cultura 18 Febbraio 2015 ore 14:10

NOVARA – Nuovo appuntamento con il Cartellone Famiglia al Teatro Coccia: domenica 22 febbraio alle ore 16 è infatti in programma lo spettacolo “Il Mago di Oz” tratto dal capolavoro dello scrittore L. Frank Baum con l’adattamento e la regia di Italo Dall’orto e le musiche originali di Gionni Dall’orto. Italo Dall’orto è anche interprete nelle vesti di Oz, Dorothy è Gea Dall’Orto, lo Spaventapasseri David Bianchi, l’Uomo Di Latta Gionni Dall’orto, il Leone Claudio Tosi la Strega dell’ovest Erika Giansanti, Glinda, La Scimmia Alata, Il Ciclone sono interpretate da Simona Haag. In scena anche i ballerini professionisti del Centro Studi Danza e Movimento di Firenze.

NOVARA – Nuovo appuntamento con il Cartellone Famiglia al Teatro Coccia: domenica 22 febbraio alle ore 16 è infatti in programma lo spettacolo “Il Mago di Oz” tratto dal capolavoro dello scrittore L. Frank Baum con l’adattamento e la regia di Italo Dall’orto e le musiche originali di Gionni Dall’orto. Italo Dall’orto è anche interprete nelle vesti di Oz, Dorothy è Gea Dall’Orto, lo Spaventapasseri David Bianchi, l’Uomo Di Latta Gionni Dall’orto, il Leone Claudio Tosi la Strega dell’ovest Erika Giansanti, Glinda, La Scimmia Alata, Il Ciclone sono interpretate da Simona Haag. In scena anche i ballerini professionisti del Centro Studi Danza e Movimento di Firenze.
La scenografia di sole proiezioni e grandi atmosfere di luci, lascia spazio ai colorati e magici costumi di Giuseppe Palella. Le musiche originali di Gionni Dall’Orto, ispirate all’intramontabile motivo di “Over the Rainbow”, accompagnano le coreografie di Deanna Losi in un connubio di teatro, danza e musica per tutte le età.
“Esistono libri per l’infanzia che rappresentano, al di là del loro valore letterario universale, il tessuto connettivo di una nazione. Così è per Pinocchio, per Il piccolo Principe, per Alice (tutti testi che hanno avuto a che fare con la nostra attività teatrale) – spiega il regista – Per Il mago di Oz, il caso si colora addirittura di patriottismo: citando Masolino D’Amico: “Con l’allegra serietà di un rituale domestico, la popolazione compatta si rimette ogni anno davanti al televisore a sentire per la milionesima volta Over the Rainbow uscire dall’ugola perennemente argentina di Judy Garland; o affolla disciplinatamente i teatri dove avviene l’ultima rielaborazione del sacro testo”.
C’è tanto di americano anche nel suo autore: Frank Baum (1856-1919), fu attore, rappresentante di lubrificanti e di porcellane, autore di musical, giornalista e fondatore di riviste per vetrinisti, più volte fallito e resuscitato, ogni volta ricominciando in qualche parte dell’East o del West degli States, finché a Chicago, nel 1900, dall’incontro col grande disegnatore W.W. Denslow, nacque The Wonderful Wizard of Oz.
Come non pensare a lui come creatore del favoloso mondo di Oz, dove forze oscure e benevole si contendono l’esito del viaggio della caparbia Dorothy e dei suoi amici, un mondo in cui i quattro punti cardinali hanno lo stesso valore mitico di quello degli States?
Dove strane comunità di ominidi vivono con sospette regole sociali (il libro di Baum fu giudicato politicamente malsano dalla paranoica Commissione McCarthy)?
E infine, la piccola Dorothy non incarna, e sostituisce, un affrancamento culturale e comportamentale dalla sua coetanea europea, la vittoriana Alice?
La simpatia che proviamo per questo testo ci induce una volta di più a tentare la sua messa in scena con la consueta aderenza rispettosa sì, ma non oleografica.
Luci, musiche, danze, colori sono i nostri ingredienti teatrali a cui non rinunciamo: come anche non rinunciamo ad affidare alla voce argentina di una bambina le parole di Dorothy”.

v.s.