Enogastronomia

Il parco del gusto con Slow food a Borgomanero – LE FOTO

Al parco del Gusto presenti 31 produttori piemontesi.

Il parco del gusto con Slow food a Borgomanero – LE FOTO
Borgomanero, 09 Settembre 2020 ore 09:47

Sabato e domenica 5 e 6 settembre il parco di Villa Marazza si è trasformato nel Parco del gusto con il presidio Slow food.

Con Slow food il parco Marazza è diventato il Parco del gusto

Due giorni di festa per tutti, all’insegna del cibo sano e locale: il weekend del Parco del Gusto alla Villa Marazza di Borgomanero ha posto al centro dell’attenzione i piccoli produttori e lanciato per il secondo anno consecutivo un segnale concreto e definito, figlio della importante partecipazione del pubblico.

13 foto Sfoglia la gallery

Il commento della condotta Slow food di Fontaneto d’Agogna

Il momento non è certamente semplice, ma se ci uniamo, se facciamo rete, la nostra voce si sentirà in maniera più forte e chiara: il cibo che consumiamo può e deve essere locale, va cercato non lontano da casa, conoscendo chi lo produce con passione, capacità e coscienza impegnandosi ogni giorno al meglio delle proprie possibilità e nel rispetto dell’ambiente per proporre prodotti unici nel loro genere.

Sabato 5 e domenica 6 settembre ha vinto la squadra al Parco del Gusto che si è svolto in Villa Marazza a Borgomanero, per il secondo anno consecutivo. L’evento, organizzato dalla condotta Slow Food delle Colline Novaresi, insieme al Comune di Borgomanero, alla Fondazione Achille Marazza e alla Pro Loco di Borgomanero, con il patrocinio e sostegno dell’ATL di Novara, ha visto protagonisti il gruppo di una trentina di produttori provenienti dall’Alto Piemonte e non solo, che hanno proposto i loro formaggi, salumi, ortaggi, e fra questi la Cipolla Bionda di Cureggio e Fontaneto presidio Slow Food, frutta, lumache, cioccolato, nocciole, miele, zafferano, riso, confetture, dolci, liquori, snack e altro ancora, apprezzati dal pubblico di gourmet, appassionati di tipicità locali e famiglie che hanno raggiunto la “Marazza nel weekend”, recandosi poi presso i ristoranti e i bar del centro che hanno aderito alla manifestazione per degustare i prodotti del mercato posti in carta.

Un mercato a cui quest’anno si è affiancato un calendario culturale di eventi su prenotazione che ha portato la manifestazione a ospitare con successo sabato mattina la cerimonia di conferimento della Deco per il Tapulone alla “Antica Cunsurtarija dal Tapulon”, e sabato pomeriggio la presentazione del romanzo “Le due vigne” di Luigina Lorenzi Zago, edito da Buendia Books. La domenica mattina è stato poi la volta dell’attesissima presentazione della “Guida delle birre d’Italia 2021” di Slow Food Editore, alla presenza del curatore Eugenio Signoroni e di Fulvio Giublena, moderatore anche degli interventi dei rappresentanti dei birrifici locali presenti nel volume. Nel pomeriggio infine, protagonisti sono stati i più piccoli, impegnati nei laboratori e nelle animazioni curate da Interlinea Editore.

“Le mascherine hanno nascosto soltanto parzialmente i sorrisi di questa due giorni indimenticabile – afferma Luca Platini, fiduciario della Condotta Slow Food delle Colline Novaresi – Sorrisi capaci di trasmettere fiducia, sollievo, amicizia, cautela, gioia, entusiasmo, passione e tante altre emozioni. Insieme, organizzatori, produttori, ristoratori, consumatori siamo stati una voce una collettiva difficile da ignorare; nell’anno di Terra Madre diffusa ormai alle porte, abbiamo dimostrato che il territorio può unirsi, fare rete, abbracciarsi per il bene comune, dimostrando che le filiere si possono accorciare, a tratti azzerare, dando spazio ai rapporti umani e al racconto dei prodotti, di storie uniche perché unico è ciascuno di noi. Uniti si vince: lo abbiamo imparato in questi mesi difficili, adesso non dimentichiamolo.”

Una due giorni di enogastronomia e cultura che è tornata ad animare il Parco Marazza a dodici mesi dalla prima edizione.

“La positivissima esperienza della prima edizione del Parco del Gusto – continua Francesco Valsesia, assessore del Comune di Borgomanero – è stata lo stimolo per organizzare l’evento anche quest’anno, nonostante le difficoltà e la criticità del momento. Credo che questa decisione coraggiosa, naturalmente presa con prudenza e razionalità, unita alla determinazione del Comune e di tutti i soggetti che hanno contribuito alla realizzazione dell’iniziativa, abbia consentito ai borgomaneresi e non solo, di godere di un piacevolissimo week-end di enogastronomia e cultura. Naturalmente, non posso che ringraziare per il successo anche di questa seconda edizione la Condotta Slow Food delle Colline Novaresi, artefice della manifestazione, nonché Pro Loco di Borgomanero e Fondazione Marazza per il preziosissimo supporto fornito per la riuscita della stessa e per l’organizzazione degli eventi ad essa collegati.”

E dopo il successo del Parco del Gusto, non si ferma il gruppo della Condotta delle Colline Novaresi e del presidio della Cipolla Bionda di Cureggio e Fontaneto. Sabato 12 e domenica 13 settembre saranno infatti al Castello di Novara per partecipare a Exporice. Infine, sabato 19 e domenica 20 settembre, tornerà in centro a Fontaneto d’Agogna l’attesissima Fiera della Cipolla Bionda, quest’anno ricca come non mai di novità.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità