“Invasioni Digitali” a Novara e provincia

“Invasioni Digitali” a Novara e provincia
Cultura 15 Aprile 2015 ore 14:57

NOVARA - Nelle giornate di sabato 25 e domenica 26 aprile l’Atl organizza a Novara e  provincia le prime “Invasioni digitali”, un progetto rivolto a formare e sensibilizzare le istituzioni all’utilizzo del web e dei social media, per la realizzazione di progetti innovativi rivolti alla co creazione di valore culturale, oltre che alla promozione e diffusione della cultura.

La prospettiva è quella di modificare la fruizione dell’offerta culturale i cui i diversi luoghi diverranno “partecipati e partecipativi”: si attiveranno, infatti, processi in grado di trasformare un luogo reale in una vera e propria piattaforma socio-culturale che metta in connessione tra loro i vari soggetti coinvolti: artisti, distributori, visitatori, critici, collaboratori, appassionati d’arte.

Nello specifico, gli “invasori”, muniti di tablet, smartphone e cellulari saranno accompagnati alla scoperta di alcune architetture di Alessandro Antonelli e “armati” dei propri strumenti potranno (e dovranno) fotografare, “twittare”, “postare” sui social network a cui sono iscritti, la propria esperienza plurisensoriale riferita ai diversi monumenti; utilizzando gli “hashtag” ufficiali forniti dall’ente organizzatore.

In tutti i luoghi si troveranno guide turistiche e volontari che aiuteranno a gestire il percorso e accompagneranno “gli invasori” durante la visita per far fronte a qualsiasi esigenza, tecnica e non. 

Sabato 25 Aprile i luoghi da “invadere” saranno: a Novara Casa Bossi dalle 9 alle 12.30 (hashtag ufficiali #antonelli #invasionidigitali #invasionidigitalipiemontesi #casabossi #novara #sottolacupola, evento realizzato in collaborazione con il Comitato d’Amore per Casa Bossi, ingresso ad offerta minima di 5 euro); a Oleggio la Chiesa Parrocchiale dei Santi Pietro e Paolo dalle 14.30 alle 17 (hashtag ufficiali #antonelli #invasionidigitali #invasionidigitalipiemontesi #oleggio, in collaborazione con il Comune e la Parrocchia di Oleggio); a Bellinzago la Chiesa parrocchiale di San Clemente e cortile della Casa Parrocchiale dalle 15 alle 18 (hashtag ufficiali #antonelli #invasionidigitali #invasionidigitalipiemontesi #bellinzagonovarese, in collaborazione con il Comune e la Parrocchia di Bellinzago).

Domenica 26 aprile toccherà invece alla cupola di San Gaudenzio a Novara dalle 15 alle 17 (salite gratuite su prenotazione chiamando l’Atl  allo 0321394059, hashtag ufficiali #antonelli #invasionidigitali #invasionidigitalipiemontesi #novara #cupoladinovara, evento in collaborazione con il Comune di Novara);a Bellinzago l’asilo Infantile De Medici dalle 15 alle 18, #antonelli #invasionidigitali #invasionidigitalipiemontesi #asilodemedici #bellinzagonovarese, in collaborazione con il Comune e l’Asilo De Medici); a Romagnano Sesia Villa Caccia dalle 15 alle 18, #antonelli #invasionidigitali #invasionidigitalipiemontesi #villacaccia, in collaborazione con il Museo Etnografico della Bassa Valsesia di Romagnano Sesia e il Comune di Romagnano Sesia).

v.s.

NOVARA - Nelle giornate di sabato 25 e domenica 26 aprile l’Atl organizza a Novara e  provincia le prime “Invasioni digitali”, un progetto rivolto a formare e sensibilizzare le istituzioni all’utilizzo del web e dei social media, per la realizzazione di progetti innovativi rivolti alla co creazione di valore culturale, oltre che alla promozione e diffusione della cultura.

La prospettiva è quella di modificare la fruizione dell’offerta culturale i cui i diversi luoghi diverranno “partecipati e partecipativi”: si attiveranno, infatti, processi in grado di trasformare un luogo reale in una vera e propria piattaforma socio-culturale che metta in connessione tra loro i vari soggetti coinvolti: artisti, distributori, visitatori, critici, collaboratori, appassionati d’arte.

Nello specifico, gli “invasori”, muniti di tablet, smartphone e cellulari saranno accompagnati alla scoperta di alcune architetture di Alessandro Antonelli e “armati” dei propri strumenti potranno (e dovranno) fotografare, “twittare”, “postare” sui social network a cui sono iscritti, la propria esperienza plurisensoriale riferita ai diversi monumenti; utilizzando gli “hashtag” ufficiali forniti dall’ente organizzatore.

In tutti i luoghi si troveranno guide turistiche e volontari che aiuteranno a gestire il percorso e accompagneranno “gli invasori” durante la visita per far fronte a qualsiasi esigenza, tecnica e non. 

Sabato 25 Aprile i luoghi da “invadere” saranno: a Novara Casa Bossi dalle 9 alle 12.30 (hashtag ufficiali #antonelli #invasionidigitali #invasionidigitalipiemontesi #casabossi #novara #sottolacupola, evento realizzato in collaborazione con il Comitato d’Amore per Casa Bossi, ingresso ad offerta minima di 5 euro); a Oleggio la Chiesa Parrocchiale dei Santi Pietro e Paolo dalle 14.30 alle 17 (hashtag ufficiali #antonelli #invasionidigitali #invasionidigitalipiemontesi #oleggio, in collaborazione con il Comune e la Parrocchia di Oleggio); a Bellinzago la Chiesa parrocchiale di San Clemente e cortile della Casa Parrocchiale dalle 15 alle 18 (hashtag ufficiali #antonelli #invasionidigitali #invasionidigitalipiemontesi #bellinzagonovarese, in collaborazione con il Comune e la Parrocchia di Bellinzago).

Domenica 26 aprile toccherà invece alla cupola di San Gaudenzio a Novara dalle 15 alle 17 (salite gratuite su prenotazione chiamando l’Atl  allo 0321394059, hashtag ufficiali #antonelli #invasionidigitali #invasionidigitalipiemontesi #novara #cupoladinovara, evento in collaborazione con il Comune di Novara);a Bellinzago l’asilo Infantile De Medici dalle 15 alle 18, #antonelli #invasionidigitali #invasionidigitalipiemontesi #asilodemedici #bellinzagonovarese, in collaborazione con il Comune e l’Asilo De Medici); a Romagnano Sesia Villa Caccia dalle 15 alle 18, #antonelli #invasionidigitali #invasionidigitalipiemontesi #villacaccia, in collaborazione con il Museo Etnografico della Bassa Valsesia di Romagnano Sesia e il Comune di Romagnano Sesia).

v.s.