L’allegro Ghirotondo delle stagioni conclude la rassegna “Mi scappa una fiaba”

L’allegro Ghirotondo delle stagioni conclude la rassegna “Mi scappa una fiaba”
Cultura 25 Marzo 2015 ore 09:14

NOVARA - Un finale in allegria per la minirassegna di tre spettacoli per i più piccoli “Mi scappa una fiaba” che si è svolta al Centro culturale Attico delle Arti in largo Donegani.  Domenica 22 marzo un bravissimo e paziente Floriano Negri supportato da Chiara Petruzzelli ha portato  in scena “Ghirotondo - Ma perché le stagioni devono essere quattro?”. Davanti a una nutrita platea di giovanissimi e molto attenti spettatori accompagnati dai loro genitori, nonni, zii, il signor Barbettino, un vecchio contadino, ha imparato a conoscere le quattro stagioni non studiando sui libri, ma guardando il cielo, parlando con il sole, annusando i profumi che il vento trasporta, ascoltando il canto degli uccelli. Un giorno il signor Barbettino si è svegliato con un’idea: spiegare a tutti i bambini perché le stagioni sono quattro e per farlo ha ricevuto l’aiuto di tanti simpatici amici come la rondine, lo scoiattolo, i girasoli e una coppia di funghetti molto furbetti. Da apprezzare anche la selezione di poesie e filastrocche di Gianni Rodari interpretate dal protagonista. A completare l’offerta canzoni e spezzoni musicali e una particolare scenografia mobile, un cubo rotante che ha permesso di rendere visivamente il susseguirsi delle stagioni.  Alla fine un grande girotondo in musica ha concluso con allegria lo spettacolo.  “Questa rassegna è stata una scommessa - ci ha spiegato Negri - che ha avuto una buona risposta di pubblico. Una bella esperienza in un luogo che ha la dimensione adatta per le rappresentazioni con i bambini, con i quali si può interagire, stabilire un contatto durante gli spettacoli. Dato questo successo intendiamo mantenere e rinnovare l'iniziativa con altri appuntamenti che potrebbero riprendere dal prossimo autunno”. Una gustosa merenda ha concluso un pomeriggio che tutti i bambini con le loro famiglie hanno auspicato si possa presto ripetere.

Valentina Sarmenghi 

NOVARA - Un finale in allegria per la minirassegna di tre spettacoli per i più piccoli “Mi scappa una fiaba” che si è svolta al Centro culturale Attico delle Arti in largo Donegani.  Domenica 22 marzo un bravissimo e paziente Floriano Negri supportato da Chiara Petruzzelli ha portato  in scena “Ghirotondo - Ma perché le stagioni devono essere quattro?”. Davanti a una nutrita platea di giovanissimi e molto attenti spettatori accompagnati dai loro genitori, nonni, zii, il signor Barbettino, un vecchio contadino, ha imparato a conoscere le quattro stagioni non studiando sui libri, ma guardando il cielo, parlando con il sole, annusando i profumi che il vento trasporta, ascoltando il canto degli uccelli. Un giorno il signor Barbettino si è svegliato con un’idea: spiegare a tutti i bambini perché le stagioni sono quattro e per farlo ha ricevuto l’aiuto di tanti simpatici amici come la rondine, lo scoiattolo, i girasoli e una coppia di funghetti molto furbetti. Da apprezzare anche la selezione di poesie e filastrocche di Gianni Rodari interpretate dal protagonista. A completare l’offerta canzoni e spezzoni musicali e una particolare scenografia mobile, un cubo rotante che ha permesso di rendere visivamente il susseguirsi delle stagioni.  Alla fine un grande girotondo in musica ha concluso con allegria lo spettacolo.  “Questa rassegna è stata una scommessa - ci ha spiegato Negri - che ha avuto una buona risposta di pubblico. Una bella esperienza in un luogo che ha la dimensione adatta per le rappresentazioni con i bambini, con i quali si può interagire, stabilire un contatto durante gli spettacoli. Dato questo successo intendiamo mantenere e rinnovare l'iniziativa con altri appuntamenti che potrebbero riprendere dal prossimo autunno”. Una gustosa merenda ha concluso un pomeriggio che tutti i bambini con le loro famiglie hanno auspicato si possa presto ripetere.

Valentina Sarmenghi