La maternità al cinema

La maternità al cinema
Cultura 30 Aprile 2015 ore 12:24

NOVARA - Il Punto Informativo della Provincia di Novara- Ordine degli Psicologi del Piemonte  e il Cineforum Nord, in collaborazione con il Comune di Novara - Assessorato alle Politiche Sociali per la Famiglia e i Bambini e con il Centro per le famiglie del Comune di Novara organizza una mini-rassegna cinematografica sul tema della nascita e della maternità. 
L’evento, ormai un appuntamento consueto, dal titolo "Il Cineforum del dott. Freud", con sottotitolo "Sarò madre",  si propone di aprire uno spiraglio sul mondo della maternità. 
Il momento della nascita di un figlio rappresenta per ogni donna un momento fondamentale della propria vita. La neo-madre sviluppa un assetto mentale completamente nuovo, si rinnova il suo ruolo all’interno della società ed entra in un campo esperienziale mai provato prima. Si tratta di un momento molto delicato che mette la donna a dura prova perché chiamata a svolgere un compito che lei sente essere di importanza capitale. I primi mesi dopo il parto la donna  è accompagnata da un senso di inadeguatezza e di disorientamento e vive in uno stato di trasparenza psichica che la rende fragile, vulnerabile e attenta alle sfumature di tutto ciò che viene detto e fatto attorno a lei. Di importanza fondamentale è il sostegno delle persone che la circondano che sappiano assecondare e rinforzare il suo istinto materno piuttosto che giudicarla o sostituirsi a lei e che sappiano comprendere quanto importante sia l’accudimento della madre affinché essa possa accudire il proprio figlio. 
Le proiezioni proposte all’interno del Cineforum sono state selezionate al fine di sensibilizzare il pubblico sul naturale nonché complesso percorso che porta una donna a diventare madre. Nell’ultima serata è prevista anche una discussione conclusiva nella quale verranno offerti spunti di riflessione e di confronto. 
Si inizia oggi giovedì 30 aprile con  "American Life" di Sam Mendes, una commedia americana, ironica e spassosa, sulla genitorialità. Si proseguirà poi giovedì 7 maggio con "Maternity Blues" del regista Franco Cattani che ha saputo mantenere l’atteggiamento discreto di chi va a toccare l’infanticidio con la mano tesa dello psicologo. Per finire giovedì 13 maggio la proiezione del film "Tutto parla di te" di Alina Marazzi, film documentario che alterna finzione, con interviste, foto d’epoca, filmati di repertorio, super8 casalinghi, e dove vengono messe bene in luce le contraddizioni e i misteri della maternità. 
Le proiezioni avranno luogo presso la Saletta Fondazione Faraggiana in Via Bescapè 12 (dietro la Cupola di San Gaudenzio) a Novara con inizio delle proiezioni alle ore 21. L'ingresso è libero. 
Le serate saranno condotte da Enrico Zaninetti (Cineforum Nord), Barbara Gavioli e Fulvia Pitto (Ordine Psicologi Piemonte – Punto Informativo della Provincia di Novara), Roberta Plevani e Paola Silvestri.  
Per informazioni:  infonovara@ordinepsicologi.piemonte.it.
v.s.

NOVARA - Il Punto Informativo della Provincia di Novara- Ordine degli Psicologi del Piemonte  e il Cineforum Nord, in collaborazione con il Comune di Novara - Assessorato alle Politiche Sociali per la Famiglia e i Bambini e con il Centro per le famiglie del Comune di Novara organizza una mini-rassegna cinematografica sul tema della nascita e della maternità. 
L’evento, ormai un appuntamento consueto, dal titolo "Il Cineforum del dott. Freud", con sottotitolo "Sarò madre",  si propone di aprire uno spiraglio sul mondo della maternità. 
Il momento della nascita di un figlio rappresenta per ogni donna un momento fondamentale della propria vita. La neo-madre sviluppa un assetto mentale completamente nuovo, si rinnova il suo ruolo all’interno della società ed entra in un campo esperienziale mai provato prima. Si tratta di un momento molto delicato che mette la donna a dura prova perché chiamata a svolgere un compito che lei sente essere di importanza capitale. I primi mesi dopo il parto la donna  è accompagnata da un senso di inadeguatezza e di disorientamento e vive in uno stato di trasparenza psichica che la rende fragile, vulnerabile e attenta alle sfumature di tutto ciò che viene detto e fatto attorno a lei. Di importanza fondamentale è il sostegno delle persone che la circondano che sappiano assecondare e rinforzare il suo istinto materno piuttosto che giudicarla o sostituirsi a lei e che sappiano comprendere quanto importante sia l’accudimento della madre affinché essa possa accudire il proprio figlio. 
Le proiezioni proposte all’interno del Cineforum sono state selezionate al fine di sensibilizzare il pubblico sul naturale nonché complesso percorso che porta una donna a diventare madre. Nell’ultima serata è prevista anche una discussione conclusiva nella quale verranno offerti spunti di riflessione e di confronto. 
Si inizia oggi giovedì 30 aprile con  "American Life" di Sam Mendes, una commedia americana, ironica e spassosa, sulla genitorialità. Si proseguirà poi giovedì 7 maggio con "Maternity Blues" del regista Franco Cattani che ha saputo mantenere l’atteggiamento discreto di chi va a toccare l’infanticidio con la mano tesa dello psicologo. Per finire giovedì 13 maggio la proiezione del film "Tutto parla di te" di Alina Marazzi, film documentario che alterna finzione, con interviste, foto d’epoca, filmati di repertorio, super8 casalinghi, e dove vengono messe bene in luce le contraddizioni e i misteri della maternità. 
Le proiezioni avranno luogo presso la Saletta Fondazione Faraggiana in Via Bescapè 12 (dietro la Cupola di San Gaudenzio) a Novara con inizio delle proiezioni alle ore 21. L'ingresso è libero. 
Le serate saranno condotte da Enrico Zaninetti (Cineforum Nord), Barbara Gavioli e Fulvia Pitto (Ordine Psicologi Piemonte – Punto Informativo della Provincia di Novara), Roberta Plevani e Paola Silvestri.  
Per informazioni:  infonovara@ordinepsicologi.piemonte.it.
v.s.