il personaggio

Marco Migliavacca alla conquista della Cina

Il performer novarese nel cast internazionale dello spettacolo-evento “Equestrian dreaming” nella città di Tsingtao.

Marco Migliavacca alla conquista della Cina
Novara, 31 Luglio 2019 ore 15:33

Marco Migliavacca alla conquista dell’Oriente. Il giovane performer, artista e attore novarese è in partenza per la Cina in questi giorni.

Marco Migliavacca in “Equestrian dreaming”

Selezionato in un cast internazionale, è chiamato ad interpretare uno dei personaggi del nuovo spettacolo-evento “Equestrian dreaming” nell’ambito del programma culturale della città portuale e turistica di Tsingtao, nella provincia di Shandong nella parte est della Paese. Il debutto di questa co-produzione italo-cinese è fissato per il 18 agosto e sarà replicato ogni sera (per sei giorni a settimana) fino al 10 ottobre. La location è da togliere il fiato: lo spettacolo andrà in scena in un mega tendone da circo con cinquemila posti per gli spettatori.

Migliavacca: “Sono felicissimo ma sarà impegnativo”

L’area degli spettacoli di Tsingtao con il maxi tendone da circo

«Una bella occasione, un importante tassello da aggiungere al mio curriculum professionale: sono felicissimo – commenta Migliavacca -. Io interpreterò uno dei caratteri principali, un po’ come avevo fatto con il Cirque du Soleil e il personaggio bambino di “AllaVita”, lo spettacolo di ExpoMilano 2015. Vestirò i panni del clown con il compito di “fil rouge” che unisce tutti i momenti che compongono lo spettacolo». Migliavacca è stato chiamato «da Alessandro Serena, direttore dell’associazione “Circo e dintorni” che ha selezionato personalmente tutto il cast italiano e che ringrazio per avermi scelto e voluto per questa nuovissima coproduzione. Il direttore dello spettacolo è Antonio Giarola, già direttore artistico della Fiera Cavalli di Verona; la regia dello spettacolo è firmata da Mario Luraschi». «Si tratta principalmente di un recitato fisico. Sarà impegnativo individuare i tempi comici degli spettatori cinesi, differenti dai nostri perché la cultura cinese è molti diversa da quella europea». Dopo l’esperienza orientale, in autunno «tornerò in Belgio con “Click”, un nuovo spettacolo per famiglie dopo aver portato in scena per tre stagioni e in più di 250 repliche in giro per il Paese, “Lampionaio” con la compagnia Sprokjees Enzo».
Arianna Martelli

Video più visti
Foto più viste
Top news regionali
Il mondo che vorrei
Amici della neve