Cultura

Musica, suoni, parole, emozioni

Musica, suoni, parole, emozioni
Cultura 30 Gennaio 2016 ore 12:46

FONTANETO D’AGOGNA - I Subsonica ieri sera non hanno deluso i tantissimi fan che hanno riempito il Phenomenon di Fontaneto d’Agogna, dove ha fatto tappa il tour “Una foresta nei club”. La band torinese ha iniziato, con solo qualche minuto di ritardo rispetto all’orario previsto, dal principio della carriera. Come era in programma infatti Samuel Romano (voce), Max Casacci (chitarra e manipolazione di suoni), Boosta (tastiere in movimento), Ninja (batteria) e Vicio (basso) hanno proposto tre brani per ciascuno dei loro sette album: un viaggio nella ventennale storia del gruppo da “Microchip emozionale” fino a “Tutti i miei sbagli” passando per “Dentro i miei vuoti” e “Incantevole”. Per ogni anno corrispondente all’album sono stati ricordati i fatti più importanti accaduti nel mondo: e così ad esempio per il disco “Amorematico” uscito nel 2002, solo poche settimane dopo l’attentato alle Torri gemelle e i fatti di Genova, si è scelto di aprire il terzetto di canzoni con “Albascura”. Un vero spettacolo di musica, suoni, parole, emozioni, ritmo, riflessione: i Subsonica si confermano una delle migliori band italiane. 

Valentina Sarmenghi 

FONTANETO D’AGOGNA - I Subsonica ieri sera non hanno deluso i tantissimi fan che hanno riempito il Phenomenon di Fontaneto d’Agogna, dove ha fatto tappa il tour “Una foresta nei club”. La band torinese ha iniziato, con solo qualche minuto di ritardo rispetto all’orario previsto, dal principio della carriera. Come era in programma infatti Samuel Romano (voce), Max Casacci (chitarra e manipolazione di suoni), Boosta (tastiere in movimento), Ninja (batteria) e Vicio (basso) hanno proposto tre brani per ciascuno dei loro sette album: un viaggio nella ventennale storia del gruppo da “Microchip emozionale” fino a “Tutti i miei sbagli” passando per “Dentro i miei vuoti” e “Incantevole”. Per ogni anno corrispondente all’album sono stati ricordati i fatti più importanti accaduti nel mondo: e così ad esempio per il disco “Amorematico” uscito nel 2002, solo poche settimane dopo l’attentato alle Torri gemelle e i fatti di Genova, si è scelto di aprire il terzetto di canzoni con “Albascura”. Un vero spettacolo di musica, suoni, parole, emozioni, ritmo, riflessione: i Subsonica si confermano una delle migliori band italiane.

Valentina Sarmenghi

Seguici sui nostri canali