Cultura

Rinviato a data da destinarsi l’incontro sulla lezione di Marcella Balconi a Borgomanero

L'incontro si sarebbe dovuto tenere nel pomeriggio di giovedì 5 marzo.

Rinviato a data da destinarsi l’incontro sulla lezione di Marcella Balconi a Borgomanero
Borgomanero, 02 Marzo 2020 ore 09:59

E’ stato rinviato a data da destinarsi anche l’incontro organizzato dall’assessorato alle politiche sociali di Borgomanero sulla lezione sociale di Marcella Balconi.

L’incontro sulla lezione di Marcella Balconi è stato rinviato a data da destinarsi

Era previsto per il pomeriggio di giovedì 5 marzo l’incontro (rivolto a insegnanti ed educatori, oltre che alla popolazione interessata) sulla lezione della psichiatra del Maggiore di Novara Marcella Balconi (morta nel 1999) promosso dall’assessorato alle politiche sociali di Palazzo Tornielli. L’incontro sarebbe stato anche l’occasione per consegnare, ai volontari che nel corso dell’ultimo anno si sono prestati alle iniziative pubbliche degli uffici dei servizi sociali del Comune, “trattando tematiche e organizzando laboratori di interesse collettivo”. La conferenza vedrà la partecipazione della dottoressa Enrica Crivelli, psicologa e psicoterapeuta che ha lavorato a fianco della dottoressa Balconi al servizio di Neuropsichiatria dell’ospedale di Novara.

Chi era Marcella Balconi

Marcella Balconi era nata a Romagnano Sesia l’8 febbraio del 1919, e fu una delle prime donne a laurearsi in medicina in Italia. Durante la seconda guerra mondiale fu staffetta partigiana e poi ispettrice sanitaria del comando generale delle brigate Garibaldi. Fu in questa veste che decise di dedicare i suoi sforzi per “salvare i bambini”, vedendo i dossier dell’uccisione di molti minori uccisi dai nazifascisti. Dopo la guerra contribuì quindi a organizzare il servizio di neuropsichiatria infantile del Maggiore della Carità di Novara. Nel 1963 venne eletta deputata nelle file del Partito Comunista italiano, e presentò una serie di disegni di legge dedicati alla salute psichica e all’integrazione dei bambini diversamente dotati. Nel 1982 ristrutturò il Parco dei bambini di Novara.

Dai una mano a
Da settimane, i giornalisti del tuo quotidiano online lavorano, senza sosta e con grande difficoltà, per garantirti un'informazione precisa e puntuale dal tuo territorio, sull’emergenza Coronavirus. Tutto questo avviene gratuitamente.
Adesso, abbiamo bisogno del tuo sostegno. Con un piccolo contributo volontario, puoi aiutare le redazioni impegnate a fornirti un'informazione di qualità. Grazie.

Scegli il tuo contributo:
Top news regionali
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei