Cultura
Cultura e spettacolo

Un paese a sei corde si sposta a Bellinzago e Gravellona Toce

Le prossime due date della rassegna vedranno tributi a Georges Brassens e a James Taylor.

Un paese a sei corde si sposta a Bellinzago e Gravellona Toce
Cultura VCO, 24 Agosto 2021 ore 09:54

La rassegna itinerante di Un paese a sei corde continua il suo percorso tra le province di Novara e Vco.

Un paese a sei corde a Bellinzago Novarese con il tributo a Georges Brassens

La rassegna UN PAESE A SEI CORDE arriva per la prima volta a Bellinzago Novarese per un concerto che si svolgerà Sabato 28 Agosto alle 21, con ingresso gratuito, che vedrà esibirsi il gruppo Band’Abord.

Band'abord è la naturale concretizzazione di un'idea nata qualche anno fa quando Ivan Appino ha iniziato a tradurre qualche canzone di Georges Brassens, innamorandosene all'istante.

Qualche tempo fa ha poi deciso di coinvolgere altri musicisti in questo progetto: Maurizio Verna, Alex Cristilli, Roberto Bongianino e Viden Spassov navigati musicisti coi quali intrattiene anche un rapporto di amicizia e che hanno aderito con grande entusiasmo.

La formazione:

Ivan Appino - voce, chitarra

Maurizio Verna - chitarre

Roberto Bongianino - fisarmonica, bandoneon

Viden Spassov - contrabbasso

Alex Cristilli – batteria

 

Ivan Appino è da sempre appassionato di musica, con una predilezione per la musica cantautorale. Da più di dieci anni voce e chitarra del gruppo “Faber per sempre” di Pier Michelatti che rende omaggio a Fabrizio De Andrè. Contrabbassista jazz autodidatta, liutaio di professione, specializzato nella costruzione, riparazione e restauro  di contrabbassi, chitarre classiche e chitarre  manouche.

 

Maurizio Verna ha svolto studi di chitarra classica, improvvisazione e  jazz. Vincitore di borsa di studio presso la scuola “Centro jazz – Torino”, ha svolto stages e seminari di perfezionamento con importanti chitarristi internazionali (Barney Kessel, Joe Diorio, Joe Pass, Mick Goodrik). Nel 1989 si è laureato in Lettere moderne. Dal 1997 si dedica alla chitarra a 10 corde, tra i pochissimi chitarristi italiani ad adoperarla nel jazz e nella musica popolare. Ha al suo attivo 11 cd con musicisti e cantanti di diversa estrazione, molte collaborazioni, lavori per il teatro e il cinema. Svolge un' intensa attività concertistica che lo ha portato a suonare in solo, duo e in varie formazioni in prestigiosi festival musicali e italiani e internazionali.

 

Roberto Bongianino, fisarmonicista e polistrumentista (bandoneon, chitarra elettrica, basso elettrico) ha iniziato lo studio della fisarmonica a 5 anni, compiendo studi classici. A 10 anni ha iniziato l'attività concertistica solista come endorser di una ditta di fisarmoniche vercellese e si è classificato ai primi posti in diversi concorsi nazionali, oltre ad esibirsi con orchestre da ballo in tutta Italia. Si è appassionato fin dall'adolescenza alla musica blues, jazz, al rock, al folk e in generale all'improvvisazione musicale.

Ha intrapreso un percorso che continua tutt'oggi in cui cerca di approfondire tutti questi generi musicali, nello studio e nell'esperienza live, oltre che in sala di registrazione. In questa ricerca costante di una propria identità musicale, parallelamente alla fisarmonica (che ha inserito in contesti inusuali quali la musica blues e rock) si dedica anche alla chitarra e al basso elettrici e in anni più recenti al bandoneon.

Ha all'attivo 30 anni di concerti in Italia e Europa e lavori in studio di registrazione con gruppi musicali folk, blues, rock, jazz, tango e pop, suonando nei contesti più disparati: club, teatri, festival, rassegne musicali, avendo anche l'occasione di collaborare con musicisti americani e inglesi nei loro tour italiani.

Attualmente è fisarmonicista e chitarrista nella Paolo Bonfanti Band , uno dei più affermati chitarristi blues e roots-rock italiani,  fisarmonicista e bandoneonista in duo con il chitarrista Maurizio Verna e nel trio jazz acustico Animalunga, bandoneonista in duo con il chitarrista Enea Leone. Ha all’attivo svariati cd con diversi musicisti e gruppi, sonorizzazioni e colonne sonore, e molte collaborazioni.

 

Viden Spassov è contrabbassista e bassista elettrico, laureato con il massimo dei voti presso il conservatorio di Aosta. Musicista eclettico e poliedrico, è attivo sia in ambito jazz, classico e moderno. In ambito classico ha studiato con V. Merz ed E. Ferraris, perfezionandosi e seguendo masterclass internazionali, partecipando anche alla prestigiosa Accademia Chigiana con G. Ettorre.

In ambito jazzistico ha studiato e si è formato con M. Flammia e W. Donatiello, perfezionandosi in corsi e masterclass di nomi internazionali del jazz. Negli anni ha avuto la possibilità di suonare e studiare con nomi prestigiosi e tutt’ora continua a studiare e sviluppare uno stile personale. Ha suonato in alcuni dei maggiori festival jazz italiani e ha partecipato in tournée in giro per il mondo. E’ anche arrangiatore e produttore, diplomato presso la Scuola di Alto Perfezionamento Musicale.

 

Alex Cristilli, batterista dall’ampia gamma di stili e improvvisazione. Ha all’attivo moltissime collaborazioni tra cui Faber per Sempre, band tributo a Fabrizio De Andrè di Pier Michelatti, storico bassista del cantautore. Ha partecipato a concerti in italia e all'estero per gli Istituti Italiani di Cultura, ha partecipato alle registrazioni di alcune canzoni nel film omaggio a Fabrizio De Andrè , "Il Principe Libero". Ha coprodotto e registrato l'album "Anime Acustiche" con i Poker Quartet, ha suonato in moltissimi festival e concerti con diverse formazioni. E’ Direttore Artistico e Insegnante di Musica presso l’Opificio dell'Arte di Biella, dove  progetta le attività e i contenuti didattici.

A night with James Taylor a Gravellona Toce

La rassegna itinerante UN PAESE A SEI CORDE ritorna a Gravellona Toce Domenica 29 Agosto per il concerto gratuito di Stefano Barbati e Paola Ceroli, che proporranno un affascinante viaggio nella musica del cantautore americano James Taylor, ripercorrendone la storia umana ed artistica.

Lo stile chitarristico originale e le melodie seducenti e malinconiche, semplici, contagiose, mai retrò, che

hanno fatto di James Taylor un’icona musicale per diverse generazioni, saranno filtrate attraverso la chitarra acustica di Stefano Barbati e l’incantevole vocalità di Paola Ceroli, musicisti già attivi e conosciuti in diversi contesti musicali locali e nazionali.

 

Stefano Barbati è un eclettico musicista e chitarrista di Lanciano. Svolge un’intensa attività didattica e concertistica (il suo nome appare nelle programmazioni dei più importanti festival di chitarra in Italia e all’estero). Ha pubblicato 5 CD a suo nome e il video “Suonare nello stile di Eric Clapton”.

Oltre che con i colleghi chitarristi, vanta collaborazioni di alto livello nell’ambito della musica d’autore  con

Federico Sirianni, Max Manfredi, Momo e Liana Marino. Mette spesso e volentieri a disposizione le sue

musiche per reading e performance teatrali.

 

Paola Ceroli, cantante originaria di Castefrentano (Chieti), vanta prestigiose collaborazioni con molti musicisti in ambito nazionale ed è insegnante di canto moderno presso diverse scuole di musica. E’ la voce femminile del gruppo folk/blues Dago Red, del coro gospel Angel Eyes e del gruppo di musica popolare Terre del Sud. La sua voce è presente in diverse pubblicazioni di questi gruppi e in diversi altri.

 

Il programma completo è consultabile su www.unpaeseaseicorde.it.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter