Intervento

Bonifico agevolazioni fiscali: la ritenuta sale dall’8% all’11%, la protesta di Confartigianato Piemonte

Sui bonifici parlanti

Bonifico agevolazioni fiscali: la ritenuta sale dall’8% all’11%, la protesta di Confartigianato Piemonte
Pubblicato:

Giorgio Felici (Presidente di Confartigianato Piemonte): “Un “assalto” alla liquidità delle imprese. In Piemonte stimiamo un incremento di oltre 100 milioni di euro”.

Bonifico agevolazioni fiscali

“L’aumento della ritenuta dall’8% all’11% adottato nella legge di Bilancio 2024 sui bonifici parlanti (quelli per sfruttare i bonus edilizi), è un vero e proprio assalto alla liquidità delle imprese del sistema casa. Imprese edili, installatori di impianti, serramentisti -oltre 40 mila imprese artigiane in Piemonte- quest’anno vedranno drenati dalle loro entrate (per lavori che danno diritto alle agevolazioni fiscali nel settore edilizio) oltre 100 milioni di euro in più rispetto agli anni passati” La denuncia arriva da Giorgio Felici Presidente di Confartigianato Imprese Piemonte.

Dal 1° marzo 2024, la percentuale di ritenuta operata dalle banche e dalle Poste sui bonifici parlanti che danno diritto alle agevolazioni fiscali nel settore edilizio passerà dall’8% all’11%. Una decisione che avrà impatti sostanziali sia per le imprese coinvolte che per le casse dello Stato. È importante notare che nel corso degli anni, la percentuale di ritenuta ha subito varie modifiche legislative. Introdotto al 10% nel 2010, è stato successivamente ridotto al 4% nel 2011, per poi stabilizzarsi all'8% nel 2015, rimanendo invariato fino ad oggi. La ritenuta rappresenta un acconto dell'imposta sui redditi, applicato al momento dell'accredito dei pagamenti effettuati dai cittadini ai loro fornitori.

“Abbiamo provato in tutti i modi ad evitare questo incremento -afferma Felici- che, purtroppo, avrà conseguenze rilevanti, specialmente per quanto riguarda il blocco delle cessioni dei crediti d'imposta. Gli imprenditori potrebbero trovarsi in difficoltà se non dispongono di una capacità fiscale sufficiente per utilizzare personalmente il credito in compensazione. Saranno soggetti alla ritenuta al momento del pagamento del fornitore, impedendo loro di usufruire successivamente dell'agevolazione fiscale e causando un serio danno alla liquidità dell'impresa.”

Per valutare appieno l'entità di questa disposizione, è utile osservare che, in base ai dati relativi alle ritenute nel 2022 che, in Italia, hanno superato i 3,6 miliardi di euro, è possibile stimare per il Piemonte un aumento di oltre 100 milioni di mancanza di liquidità immediata rispetto agli anni precedenti dovuti all’incremento dell’aliquota.

“E’ una certezza -conclude Felici- che i bonus fiscali per lavori in edilizia abbiano rappresentato una leva significativa permettendo alle famiglie e alle imprese di migliorare il patrimonio immobiliare, con un beneficio all’economia e accrescendo l’impegno sul fronte della riqualificazione urbana, della decarbonizzazione e dell’accessibilità. Siamo consapevoli del fatto che ci siano state applicazioni non razionali ed anche fraudolente, ma non si possono accusare di questo le imprese che operano in sicurezza e nel rispetto delle regole. Il percorso deve proseguire con la definizione di strategie e di misure stabili per garantire l’effettiva programmazione e implementazione di un Piano di riqualificazione del patrimonio immobiliare italiano in linea con gli obiettivi della nuova Direttiva Casa. Di certo il no ad una mini proroga per il 110%, il ridimensionamento del bonus ‘barriere architettoniche’, con lo stop alla sua cessione, e l’aumento della ritenuta sono provvedimenti che di certo non vanno in questa direzione”.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali