Contratti di rete: disponibile il software per redigere l’atto costitutivo

Contratti di rete: disponibile il software per redigere l’atto costitutivo
23 Gennaio 2015 ore 17:20

NOVARA – Un aiuto concreto a tutti gli operatori che vogliono rafforzare la propria posizione sui mercati nazionali e internazionali attraverso lo strumento, ormai consolidato, del contratto di rete: questo l’obiettivo del nuovo servizio realizzato da InfoCamere, società di informatica delle Camere di Commercio, per consentire alle imprese italiane di fare rete in modo più semplice e veloce.
Il contratto di rete può essere presentato attraverso il modello “standard” di trasmissione, grazie a software presenti sul mercato oppure con il servizio “base” realizzato da InfoCamere, disponibile online sul sito contrattidirete.registroimprese.it.
Il servizio consente, in modo semplice e guidato, di predisporre per via telematica un contratto di rete secondo i dettami della normativa vigente. A seguito della pubblicazione delle specifiche tecniche per la compilazione del modello standard – avvenuta l’8 gennaio scorso sul sito del Ministero dello Sviluppo Economico – un contratto di rete può essere sottoscritto direttamente tramite firma digitale dei rappresentanti delle imprese partecipanti (dando così attuazione a quanto previsto dall’art. 3 comma 4-quater della legge 134/2012 sulla trasmissione dei contratti di rete al registro delle imprese).

NOVARA – Un aiuto concreto a tutti gli operatori che vogliono rafforzare la propria posizione sui mercati nazionali e internazionali attraverso lo strumento, ormai consolidato, del contratto di rete: questo l’obiettivo del nuovo servizio realizzato da InfoCamere, società di informatica delle Camere di Commercio, per consentire alle imprese italiane di fare rete in modo più semplice e veloce.
Il contratto di rete può essere presentato attraverso il modello “standard” di trasmissione, grazie a software presenti sul mercato oppure con il servizio “base” realizzato da InfoCamere, disponibile online sul sito contrattidirete.registroimprese.it.
Il servizio consente, in modo semplice e guidato, di predisporre per via telematica un contratto di rete secondo i dettami della normativa vigente. A seguito della pubblicazione delle specifiche tecniche per la compilazione del modello standard – avvenuta l’8 gennaio scorso sul sito del Ministero dello Sviluppo Economico – un contratto di rete può essere sottoscritto direttamente tramite firma digitale dei rappresentanti delle imprese partecipanti (dando così attuazione a quanto previsto dall’art. 3 comma 4-quater della legge 134/2012 sulla trasmissione dei contratti di rete al registro delle imprese).
Per utilizzare il servizio occorre registrarsi gratuitamente sul portale http://www.registroimprese.it e disporre, per ogni rappresentante di impresa, di un dispositivo di firma digitale.
Accedendo dal sito contrattidirete.registroimprese.it l’utente viene guidato a compilare e firmare digitalmente il contratto che, al termine della procedura, sarà disponibile in formato elaborabile (XML) in modo da facilitare l’integrazione delle informazioni nel registro delle imprese. Prima dell’invio al registro delle imprese, l’atto dovrà essere registrato fiscalmente presso gli uffici dell’Agenzia delle Entrate che provvederanno a restituire il numero di registrazione, necessario per la trasmissione telematica al registro delle imprese.
Oltre al software per la compilazione telematica del contratto di rete attraverso il modello “standard”, il portale contrattidirete.registroimprese.it riporta i riferimenti normativi, la descrizione degli strumenti operativi e i passaggi necessari da seguire per fare rete, mettendo a disposizione un monitoraggio mensile per l’analisi del fenomeno nel corso del tempo.
A quasi cinque anni dalla costituzione della prima rete, le imprese oggi coinvolte in Italia sono circa 9.700 (dall’edilizia alla sanità, dal tessile alle nuove tecnologie), per un numero totale di contratti che al primo gennaio 2015 ha toccato quota 1.927. Per quanto riguarda la provincia di Novara, si contano 17 contratti e 24 imprese coinvolte.  

v.s.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Gite in treno
Curiosità