Dal Pdl in Comune: “Gli islamici novaresi fruitori dei servizi del Comune firmino un documento di condanna del terrorismo”

Dal Pdl in Comune: “Gli islamici novaresi fruitori dei servizi del Comune firmino un documento di condanna del terrorismo”
Economia 10 Gennaio 2015 ore 06:42

NOVARA - Un documento di condanna del terrorismo, sia in lingua madre, sia in inglese sia in italiano, da sottoporre a tutti i cittadini extracomunitari che usufruiscono dei servizi socio-assistenziali del Comune di Novara e alle associazioni islamiche presenti sul territorio.

E’ quanto chiede una mozione del gruppo consigliare Pdl, depositata nelle ultime ore in Comune a Novara dal consigliere Daniele Andretta e sottoscritta da tutti gli altri componenti del gruppo civico.

 

NOVARA - Un documento di condanna del terrorismo, sia in lingua madre, sia in inglese sia in italiano, da sottoporre a tutti i cittadini extracomunitari che usufruiscono dei servizi socio-assistenziali del Comune di Novara e alle associazioni islamiche presenti sul territorio.

E’ quanto chiede una mozione del gruppo consigliare Pdl, depositata nelle ultime ore in Comune a Novara dal consigliere Daniele Andretta e sottoscritta da tutti gli altri componenti del gruppo civico.

“I terribili fatti di Parigi - dice Andretta in una nota stampa - e la drammatica esecuzione dei redattori del giornale satirico Charlie Hebdo e di tutte le vittime di questa folle azione impongono a noi tutti un cambio di mentalità rispetto a questi temi. Bisogna prendere coscienza del fatto che le frange integraliste che si annidano dentro le comunità islamiche, anche in territorio italiano, come emerge dalle dichiarazioni di queste ore di autorevoli esponenti di governo, vanno assolutamente isolate e identificate. Non è più accettabile che non vi sia l’espressione di una ferma condanna di questi episodi, anche dal punto di vista formale, considerato il fatto che la comunità novarese che offre questi servizi ha tutto il diritto di sentirsi rassicurata”.

“Anche se il Comune non ha responsabilità in materia di sicurezza – riprende Daniele Andretta - ha il dovere di contribuire agli sforzi che le forze dell’ordine mettono in campo quotidianamente per individuare situazioni sospette, per scongiurare il rischio che focolai di estremismo possano insediarsi anche qui. Si tratta di un’azione civile di controllo democratico, doverosa nei confronti della cittadinanza tutta e non più procrastinabile”.

Chi vive a Novara e usufruisce dei servizi comunali dunque dovrà, se la mozione verrà approvata, sottoscrivere una sorta di “patto di convivenza” e di condanna delle azioni terroristiche di matrice islamica.

“Le posizioni demagogiche in questo frangente non sono più accettabili – sostiene il consigliere comunale del centrodestra – da qualsiasi parte esse provengano. Se siamo una democrazia matura dobbiamo avere la forza di guardare in faccia la realtà e tutelarci da eventuali pericoli. Quello che è accaduto a Parigi è ben più di un segnale d’allarme ed è di una gravità inaudita. Quell’azione ha lo scopo di minare alle basi i fondamenti della nostra democrazia e dei nostri diritti e di fronte a questo ciascuno di noi, con gli strumenti che ha a disposizione, ha il dovere morale e civile di intervenire e di opporsi”.

mo.c.