De Grandis: “L’Ncd non mi rappresenta più”

De Grandis: “L’Ncd non mi rappresenta più”
Economia 13 Luglio 2015 ore 17:15

NOVARA, 13 LUG – “Non riconoscendomi più da tempo nella linea dettata al Nuovo Centrodestra da Angelino Alfano, non posso che esprimere pubblicamente la mia incompatibilità verso posizioni sempre più appiattite sul Partito Democratico e lontane dallo spirito che ha animato la nascita di NCD. Da mesi l’azione sul territorio è chiaramente incompatibile con le posizioni nazionali”. Inizia così una nota stampa con la quale Ivan De Grandis, promotore tra le altre cose del Movimento No Musa, annuncia la sua uscita dall’NCD.

“Siamo partiti – prosegue nel comunicato – con un governo di responsabilità nazionale e siamo arrivati a un esecutivo politico di Matteo Renzi – sostiene De Grandis – che umilia Ncd, i nostri militanti e i nostri valori. Mi resta un profondo rispetto per i tanti esponenti e amici, ma non posso trovarmi sempre in imbarazzo con gli elettori nello spiegare che a Novara siamo alternativi alla sinistra di Ballarè e a Roma i vertici stanno con Renzi – prosegue– a Novara non solo siamo alternativi al Pd ma a questa amministrazione, come è noto, abbiamo fatto una guerra senza quartiere, e  proprio per questo bisogna dire basta a certe ambiguità”. Il mio impegno politico, inteso proprio come servizio per la comunità, non si ferma qui, anzi riparte con una nuova sfida. Infatti con tanti amici e cittadini siamo già al lavoro per un progetto civico decisamente alternativo alla sinistra, trasversale ai tanti mondi che Novara rappresenta. Sarà un libero contributo alla città per la quale mettiamo in campo entusiasmo e idee in vista della sfida del 2016”.

Spiega ancora De Grandis: “E’ un progetto che nasce dal porta a porta, dalle famiglie, dagli amici, per diventare un punto di riferimento per quella vasta area di novaresi disillusi dalla politica. Per questo noi iniziamo questo cammino pronti a dialogare con tutti coloro che vogliono impegnarsi per una città migliore. Una città pulita, ordinata e sicura è l’obiettivo comune di tanti cittadini perbene, al di là delle ideologie e delle bandiere partitiche”.

“Centinaia di cittadini hanno compilato negli ultimi mesi un nostro questionario indicando le loro priorità su macro aree fondamentali come sicurezza, ambiente, lavoro e urbanistica. Sulla base di questi dati – conclude la nota stampa - stiamo lavorando a un programma con i cittadini, i cosiddetti esponenti della società civile, della cultura, del volontariato e dello sport”.

mo.c.

NOVARA, 13 LUG – “Non riconoscendomi più da tempo nella linea dettata al Nuovo Centrodestra da Angelino Alfano, non posso che esprimere pubblicamente la mia incompatibilità verso posizioni sempre più appiattite sul Partito Democratico e lontane dallo spirito che ha animato la nascita di NCD. Da mesi l’azione sul territorio è chiaramente incompatibile con le posizioni nazionali”. Inizia così una nota stampa con la quale Ivan De Grandis, promotore tra le altre cose del Movimento No Musa, annuncia la sua uscita dall’NCD.

“Siamo partiti – prosegue nel comunicato – con un governo di responsabilità nazionale e siamo arrivati a un esecutivo politico di Matteo Renzi – sostiene De Grandis – che umilia Ncd, i nostri militanti e i nostri valori. Mi resta un profondo rispetto per i tanti esponenti e amici, ma non posso trovarmi sempre in imbarazzo con gli elettori nello spiegare che a Novara siamo alternativi alla sinistra di Ballarè e a Roma i vertici stanno con Renzi – prosegue– a Novara non solo siamo alternativi al Pd ma a questa amministrazione, come è noto, abbiamo fatto una guerra senza quartiere, e  proprio per questo bisogna dire basta a certe ambiguità”. Il mio impegno politico, inteso proprio come servizio per la comunità, non si ferma qui, anzi riparte con una nuova sfida. Infatti con tanti amici e cittadini siamo già al lavoro per un progetto civico decisamente alternativo alla sinistra, trasversale ai tanti mondi che Novara rappresenta. Sarà un libero contributo alla città per la quale mettiamo in campo entusiasmo e idee in vista della sfida del 2016”.

Spiega ancora De Grandis: “E’ un progetto che nasce dal porta a porta, dalle famiglie, dagli amici, per diventare un punto di riferimento per quella vasta area di novaresi disillusi dalla politica. Per questo noi iniziamo questo cammino pronti a dialogare con tutti coloro che vogliono impegnarsi per una città migliore. Una città pulita, ordinata e sicura è l’obiettivo comune di tanti cittadini perbene, al di là delle ideologie e delle bandiere partitiche”.

“Centinaia di cittadini hanno compilato negli ultimi mesi un nostro questionario indicando le loro priorità su macro aree fondamentali come sicurezza, ambiente, lavoro e urbanistica. Sulla base di questi dati – conclude la nota stampa - stiamo lavorando a un programma con i cittadini, i cosiddetti esponenti della società civile, della cultura, del volontariato e dello sport”.

mo.c.