E' di nuovo tempo di "Prezzi pazzi"

E' di nuovo tempo di "Prezzi pazzi"
Economia 24 Giugno 2015 ore 16:59
NOVARA – Tornano anche quest’anno, nei negozi di Novara i “Prezzi pazzi”: in pratica i commercianti potranno applicare sconti su tutta o su parte della merce, in deroga alla normativa regionale che vieta le vendite promozionali nei 30 giorni precedenti i saldi. Lo ha deliberato la Giunta comunale di Novara, su proposta dell’Assessore al Commercio Sara Paladini, per promuovere le vendite in un momento che si conferma difficile. I ”Prezzi pazzi” prenderanno domani, giovedì 25 giugno e dureranno fino a venerdì 3 luglio, giorno antecedente l’inizio dei saldi veri e propri.
I negozi aderenti all’iniziativa espongono in vetrina una locandina con la scritta “Prezzi pazzi” e indicano, volendo, la percentuale di sconto praticato (non è possibile utilizzare, invece, le parole “saldi”,  “liquidazione”, “vendita promozionale”).
Per i negozianti non è necessario prezzare i singoli prodotti, né indicare il doppio prezzo prescritto in occasione dei saldi: è sufficiente applicare lo sconto direttamente alla cassa. La percentuale di sconto è del tutto discrezionale e può essere uguale per tutti i prodotti oppure diversificata.
Le vendite di fine stagione (i tradizionali “saldi”), come detto, avranno regolarmente inizio sabato 4 luglio e termineranno il 28 agosto. E’ importante segnalare che i negozi non sono più obbligati a inviare all’Amministrazione comunale il modulo di inizio saldi, un adempimento inutile e per fortuna abrogato dalla Regione Piemonte.

v.s.

NOVARA – Tornano anche quest’anno, nei negozi di Novara i “Prezzi pazzi”: in pratica i commercianti potranno applicare sconti su tutta o su parte della merce, in deroga alla normativa regionale che vieta le vendite promozionali nei 30 giorni precedenti i saldi. Lo ha deliberato la Giunta comunale di Novara, su proposta dell’Assessore al Commercio Sara Paladini, per promuovere le vendite in un momento che si conferma difficile. I ”Prezzi pazzi” prenderanno domani, giovedì 25 giugno e dureranno fino a venerdì 3 luglio, giorno antecedente l’inizio dei saldi veri e propri.
I negozi aderenti all’iniziativa espongono in vetrina una locandina con la scritta “Prezzi pazzi” e indicano, volendo, la percentuale di sconto praticato (non è possibile utilizzare, invece, le parole “saldi”,  “liquidazione”, “vendita promozionale”).
Per i negozianti non è necessario prezzare i singoli prodotti, né indicare il doppio prezzo prescritto in occasione dei saldi: è sufficiente applicare lo sconto direttamente alla cassa. La percentuale di sconto è del tutto discrezionale e può essere uguale per tutti i prodotti oppure diversificata.
Le vendite di fine stagione (i tradizionali “saldi”), come detto, avranno regolarmente inizio sabato 4 luglio e termineranno il 28 agosto. E’ importante segnalare che i negozi non sono più obbligati a inviare all’Amministrazione comunale il modulo di inizio saldi, un adempimento inutile e per fortuna abrogato dalla Regione Piemonte.

v.s.