Economia

Il Banco tira dritto verso la fusione

Il Banco tira dritto verso la fusione
Economia 21 Marzo 2016 ore 11:07

LODI -L’assemblea del Banco popolare ha approvato sabato 19 marzo con una percentuale bulgara, il 99,70% dei sì, il bilancio 2015, che si è chiuso con 430 milioni di euro e la distribuzione di un dividendo pari a 15 centesimi per azione. A Lodi anche centinaia i novaresi. L’ad Pier Francesco Saviotti - alla presenza della supervisor della Banca centrale europea Ilze Rainska - ha confernato: avanti tutta con la fusione con la Popolare di Milano “benedetta” dal governo. «Siamo una banca sana, viva e solida», ha detto Saviotti. Anche dai novaresi intervenuti un sì alla fusione, ma un richiamo al legame territoriale.
Laura Cavalli

Leggi il servizio sul Corriere di Novara di lunedì 21 marzo 2016

LODI -L’assemblea del Banco popolare ha approvato sabato 19 marzo con una percentuale bulgara, il 99,70% dei sì, il bilancio 2015, che si è chiuso con 430 milioni di euro e la distribuzione di un dividendo pari a 15 centesimi per azione. A Lodi anche centinaia i novaresi. L’ad Pier Francesco Saviotti - alla presenza della supervisor della Banca centrale europea Ilze Rainska - ha confernato: avanti tutta con la fusione con la Popolare di Milano “benedetta” dal governo. «Siamo una banca sana, viva e solida», ha detto Saviotti. Anche dai novaresi intervenuti un sì alla fusione, ma un richiamo al legame territoriale.
Laura Cavalli

Leggi il servizio sul Corriere di Novara di lunedì 21 marzo 2016

Seguici sui nostri canali