Il gruppo “Rivogliamo i cartelli con Nuara” manda invito e biglietto al sindaco per andare a vedere “Asterix”

Il gruppo “Rivogliamo i cartelli con Nuara” manda invito e biglietto al sindaco per andare a vedere “Asterix”
26 Gennaio 2015 ore 01:54

NOVARA – Originale iniziativa da parte di Elisabetta Silvestri, ‘motore’ del gruppo, attivo su Facebook, “Rivogliamo i cartelli Nuara”.

Come spiega in una mail inviata ai giornali locali: “Ho deciso con l’appoggio dei componenti dello stesso gruppo di “provocare in modo benevolo” il nostro primo cittadino, invitandolo ad andare a vedere il film: “Asterix e il tempio degli dei”. Ho recapitato a mano in Comune, con scritto “per il sindaco Andrea Ballarè”, una busta con all’interno ciò che c’è nell’allegato (una lettera in italiano e in dialetto, dove l’amministratrice del gruppo invita il sindaco a ripensarci e a tornare alla sua decisione di eliminare i cartelli con la dicitura ‘Nuara’ all’ingresso della città, ndr) e un biglietto per andare a vedere il film. Penso che aprirà la busta il 26, lunedì mattina. Ricordo che nel 2012 Egli fece togliere i cartelli “Nuara” facendo seguire il seguente commento su FB: “Via le ultime tracce del villaggio di Asterix”, parole che crearono proteste, critiche, con conseguente petizione e mozione in Consiglio Comunale in cui vinse il “no” per pochi voti. Ora a distanza di un anno da essa, non si poteva non fare questa piccola provocazione“.

Sempre Silvestri, nel materiale che invia alle redazioni, ricorda quanto accade a Bergamo, altra città guidata da una giunta a maggioranza Partito democratico. “Come saprete – scrive – è stato eletto sindaco Giorgio Gori, del Pd. Neanche completamente insediato, subito pr

NOVARA – Originale iniziativa da parte di Elisabetta Silvestri, ‘motore’ del gruppo, attivo su Facebook, “Rivogliamo i cartelli Nuara”.

Come spiega in una mail inviata ai giornali locali: “Ho deciso con l’appoggio dei componenti dello stesso gruppo di “provocare in modo benevolo” il nostro primo cittadino, invitandolo ad andare a vedere il film: “Asterix e il tempio degli dei”. Ho recapitato a mano in Comune, con scritto “per il sindaco Andrea Ballarè”, una busta con all’interno ciò che c’è nell’allegato (una lettera in italiano e in dialetto, dove l’amministratrice del gruppo invita il sindaco a ripensarci e a tornare alla sua decisione di eliminare i cartelli con la dicitura ‘Nuara’ all’ingresso della città, ndr) e un biglietto per andare a vedere il film. Penso che aprirà la busta il 26, lunedì mattina. Ricordo che nel 2012 Egli fece togliere i cartelli “Nuara” facendo seguire il seguente commento su FB: “Via le ultime tracce del villaggio di Asterix”, parole che crearono proteste, critiche, con conseguente petizione e mozione in Consiglio Comunale in cui vinse il “no” per pochi voti. Ora a distanza di un anno da essa, non si poteva non fare questa piccola provocazione“.

Sempre Silvestri, nel materiale che invia alle redazioni, ricorda quanto accade a Bergamo, altra città guidata da una giunta a maggioranza Partito democratico. “Come saprete – scrive – è stato eletto sindaco Giorgio Gori, del Pd. Neanche completamente insediato, subito propone di far togliere i cartelli “Bèrghem  posti alle entrate della città. Un copione già visto… Ma in questo caso il finale, a differenza di quanto accaduto a Novara (almeno finora) e in altre città, è a lieto fine. Il sindaco, dopo aver ricevuto lettere accorate e riflettuto su iniziative locali atte a rimarcare l’importanza del cartello toponomastico bilingue, ha deciso di fare un passo indietro! Gori ha deciso di lasciare i cartelli, anzi, di più, di risistemarli in modo che la dicitura sia proposta in modo più ordinato, leggibile e con uno spazio adeguato alla dicitura “dialettale”. Per il Comitato Salvaguardia Patrimoni Linguistici, impegnatosi in queste iniziative, e per tutte le persone che considerano importanti le proprie parlate, è una vittoria e un giorno da ricordare! Un segno inaspettato di lungimiranza e di intelligenza politica oltre che di sensibilità culturale! Raro caso in cui si siano “ascoltate” le ragioni del popolo locale senza imporre gli “ordini” del partito nazionale. Un applauso a Gori e, augurandogli una buona amministrazione, auspico senz’altro che il suo coraggio venga preso ad esempio da altre Giunte, quali la nostra, che in analogo frangente – sostiene nella sua lettera Silvestri, con il gruppo “Rivogliamo i cartelli Nuara” – non ha spiccato per capacità di comprensione del valore culturale e apartitico che un cartello con doppia dicitura, ha intrinsecamente al suo interno”.

mo.c.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità