Il Pd all’unanimità approva la lista

Il Pd all’unanimità approva la lista
Economia 16 Aprile 2016 ore 13:55

NOVARA - Il Partito democratico ha definito la lista con cui parteciperà alle elezioni amministrative di Novara. Trentadue nomi, di cui 12 donne, nel rispetto della normativa che prevede almeno una terzo dei candidati alle quote rosa.
L’ok definitivo è stato raggiunto giovedì sera durante il direttivo provinciale che ha approvato all’unanimità le candidature. Tra gli esponenti del partito spiccano i nomi di Milù Allegra, attuale consigliere provinciale con delega all’Istruzione, e Sergio De Stasio (nella foto), responsabile organizzativo del Pd e coordinatore dei tavoli di Novara 21 che hanno contribuito in maniera importante alla creazione del programma elettorale del sindaco uscente Andrea Ballarè.
Tra le new entry anche Nicoletta Pavesi, docente universitaria, senza dimenticare i giovani: quattro sotto i 30 anni, di cui due alla prima esperienza politica, Mattia Colli Vignarelli e Chiara Tordi.
Riconfermata quasi in blocco la struttura della Giunta. Hanno deciso di non presentarsi Giorgio Dulio, assessore al Bilancio, Marco Bozzola, assessore all’Urbanistica, e Giulio Rigotti, assessore alla Mobilità e ambiente, tutti cooptati come tecnici nel mandato scorso.
Pronti al secondo “giro”, con Andrea Ballarè capolista, Nicola Fonzo, attuale vicesindaco e assessore ai Lavori pubblici, Elia Impaloni, assessore alle Politiche per le emergenze sociali, Sara Paladini, assessore al Commercio, Margherita Patti, assessore all’Istruzione, Rossano Pirovano, assessore allo Sport, e Paola Turchelli, assessore alla Cultura. Una riconferma compatta, quindi, della squadra di governo.
Stabilita la composizione della lista, che sarà presentata ufficialmente mercoledì prossimo, adesso il Pd passerà alla fase attiva, quella della raccolta delle firme che devono essere da un minino di 350 ad un massimo di 750.
Dal 21 al 24 aprile partirà l’operazione “Orgoglio Novara”, nell’ambito della massima trasparenza. Durante il week end saranno allestiti almeno una quindicina di banchetti attrezzati per la raccolta firme, ognuno presidiato da un consigliere comunale in qualità di autenticatore.
Sandro Devecchi

NOVARA - Il Partito democratico ha definito la lista con cui parteciperà alle elezioni amministrative di Novara. Trentadue nomi, di cui 12 donne, nel rispetto della normativa che prevede almeno una terzo dei candidati alle quote rosa.
L’ok definitivo è stato raggiunto giovedì sera durante il direttivo provinciale che ha approvato all’unanimità le candidature. Tra gli esponenti del partito spiccano i nomi di Milù Allegra, attuale consigliere provinciale con delega all’Istruzione, e Sergio De Stasio (nella foto), responsabile organizzativo del Pd e coordinatore dei tavoli di Novara 21 che hanno contribuito in maniera importante alla creazione del programma elettorale del sindaco uscente Andrea Ballarè.
Tra le new entry anche Nicoletta Pavesi, docente universitaria, senza dimenticare i giovani: quattro sotto i 30 anni, di cui due alla prima esperienza politica, Mattia Colli Vignarelli e Chiara Tordi.
Riconfermata quasi in blocco la struttura della Giunta. Hanno deciso di non presentarsi Giorgio Dulio, assessore al Bilancio, Marco Bozzola, assessore all’Urbanistica, e Giulio Rigotti, assessore alla Mobilità e ambiente, tutti cooptati come tecnici nel mandato scorso.
Pronti al secondo “giro”, con Andrea Ballarè capolista, Nicola Fonzo, attuale vicesindaco e assessore ai Lavori pubblici, Elia Impaloni, assessore alle Politiche per le emergenze sociali, Sara Paladini, assessore al Commercio, Margherita Patti, assessore all’Istruzione, Rossano Pirovano, assessore allo Sport, e Paola Turchelli, assessore alla Cultura. Una riconferma compatta, quindi, della squadra di governo.
Stabilita la composizione della lista, che sarà presentata ufficialmente mercoledì prossimo, adesso il Pd passerà alla fase attiva, quella della raccolta delle firme che devono essere da un minino di 350 ad un massimo di 750.
Dal 21 al 24 aprile partirà l’operazione “Orgoglio Novara”, nell’ambito della massima trasparenza. Durante il week end saranno allestiti almeno una quindicina di banchetti attrezzati per la raccolta firme, ognuno presidiato da un consigliere comunale in qualità di autenticatore.
Sandro Devecchi