Economia

Il Pd novarese conferma, per le prossime amministrative, i sindaci di Novara e Trecate

Il Pd novarese conferma, per le prossime amministrative, i sindaci di Novara e Trecate
Economia 04 Novembre 2015 ore 21:56

NOVARA - La Direzione provinciale del Partito Democratico novarese è stata convocata l’altra sera per affrontare i temi relativi alle elezioni amministrative della primavera 2016.

Le elezioni riguardano 16 Comuni tra cui il capoluogo Novara e la città di Trecate.

Per quanto riguarda i 14 Comuni inferiori ai 15 mila abitanti l’indicazione del segretario provinciale, Mauro Gavinelli, che il Pd si faccia promotore e partecipi attivamente alla formazione di liste civiche di centrosinistra è stata unanimemente accolta.

Per la città di Trecate “si prende favorevolmente atto – si legge in una nota stampa - di quanto già deciso dal Direttivo del PD locale di ricandidare il sindaco uscente, Enrico Ruggerone, sostenuto dal Pd e da altre liste civiche espressioni della società civile locale. Per il Comune di Novara, la ricandidatura del sindaco uscente, Andrea Ballarè, già precedentemente indicato dall’Assemblea cittadina novarese, viene unanimemente accolta”.

E’ già iniziato, ma prosegue ora con più certezze, il lavoro di ascolto e confronto nel Partito sui temi programmatici, soprattutto a Novara. “Un lavoro aperto a tutti i suggerimenti di iscritti, elettori, associazioni e parti sindacali che ci porterà, in pieno accordo tra il candidato sindaco Andrea Ballarè e i circoli del PD di Novara a formulare un programma di interventi sulla città con una visione di trasformazione e sviluppo che vada oltre i prossimi cinque anni di amministrazione. Un programma che verterà sui temi del lavoro e dello sviluppo delle attività imprenditoriali, delle politiche sociali con particolare attenzione alle nuove povertà e all’emergenza abitativa, della difesa dell’ambiente con spazi verdi e mobilità dolce per una rinnovata fruibilità delle aree urbane, del riutilizzo delle aree dimesse in particolare quelle occupate dalle ex caserme. Un capitolo a parte merita la costruzione della nuova Città della Salute che offrirà tra gli innumerevoli vantaggi anche la possibilità di riutilizzo dell’area dell’ospedale con la riqualificazione dell’intero centro urbano. Sul tema delle alleanze il Segretario provinciale ha ribadito che il nostro ambito è il centrosinistra e che va fatto ogni sforzo possibile per riconfermarlo. Il Pd deve restare inoltre aperto e inclusivo verso un elettorato deluso che rischia di precipitare verso un qualunquismo senza prospettive e verso tutte quelle forme associative e di volontariato che, anche a Novara e nella nostra Provincia, hanno permesso di dare risposte, con il proprio impegno, al dramma dell’aumento della povertà e della disgregazione sociale”.

Nei prossimi giorni la Segreteria provinciale con il coordinatore cittadino e i Circoli di Novara inizieranno la costituzione di tavoli di lavoro programmatici aperti al contributo di tutti quelli che ritengono di impegnarsi per dare un futuro alla nostra città con l’elaborazione di un programma partecipato per realizzare una proposta di governo della città per i prossimi anni.  

mo.c.


NOVARA - La Direzione provinciale del Partito Democratico novarese è stata convocata l’altra sera per affrontare i temi relativi alle elezioni amministrative della primavera 2016.

Le elezioni riguardano 16 Comuni tra cui il capoluogo Novara e la città di Trecate.

Per quanto riguarda i 14 Comuni inferiori ai 15 mila abitanti l’indicazione del segretario provinciale, Mauro Gavinelli, che il Pd si faccia promotore e partecipi attivamente alla formazione di liste civiche di centrosinistra è stata unanimemente accolta.

Per la città di Trecate “si prende favorevolmente atto – si legge in una nota stampa - di quanto già deciso dal Direttivo del PD locale di ricandidare il sindaco uscente, Enrico Ruggerone, sostenuto dal Pd e da altre liste civiche espressioni della società civile locale. Per il Comune di Novara, la ricandidatura del sindaco uscente, Andrea Ballarè, già precedentemente indicato dall’Assemblea cittadina novarese, viene unanimemente accolta”.

E’ già iniziato, ma prosegue ora con più certezze, il lavoro di ascolto e confronto nel Partito sui temi programmatici, soprattutto a Novara. “Un lavoro aperto a tutti i suggerimenti di iscritti, elettori, associazioni e parti sindacali che ci porterà, in pieno accordo tra il candidato sindaco Andrea Ballarè e i circoli del PD di Novara a formulare un programma di interventi sulla città con una visione di trasformazione e sviluppo che vada oltre i prossimi cinque anni di amministrazione. Un programma che verterà sui temi del lavoro e dello sviluppo delle attività imprenditoriali, delle politiche sociali con particolare attenzione alle nuove povertà e all’emergenza abitativa, della difesa dell’ambiente con spazi verdi e mobilità dolce per una rinnovata fruibilità delle aree urbane, del riutilizzo delle aree dimesse in particolare quelle occupate dalle ex caserme. Un capitolo a parte merita la costruzione della nuova Città della Salute che offrirà tra gli innumerevoli vantaggi anche la possibilità di riutilizzo dell’area dell’ospedale con la riqualificazione dell’intero centro urbano. Sul tema delle alleanze il Segretario provinciale ha ribadito che il nostro ambito è il centrosinistra e che va fatto ogni sforzo possibile per riconfermarlo. Il Pd deve restare inoltre aperto e inclusivo verso un elettorato deluso che rischia di precipitare verso un qualunquismo senza prospettive e verso tutte quelle forme associative e di volontariato che, anche a Novara e nella nostra Provincia, hanno permesso di dare risposte, con il proprio impegno, al dramma dell’aumento della povertà e della disgregazione sociale”.

Nei prossimi giorni la Segreteria provinciale con il coordinatore cittadino e i Circoli di Novara inizieranno la costituzione di tavoli di lavoro programmatici aperti al contributo di tutti quelli che ritengono di impegnarsi per dare un futuro alla nostra città con l’elaborazione di un programma partecipato per realizzare una proposta di governo della città per i prossimi anni.  

mo.c.