Economia

Interrogazione in Regione per i passaggi a livello di Momo (la presenterà Domenico Rossi)

Interrogazione in Regione per i passaggi a livello di Momo (la presenterà Domenico Rossi)
Economia 01 Luglio 2015 ore 16:26

MOMO – Intervento del consigliere regionale novarese del Partito democratico, Domenico Rossi, per i passaggi a livello di Momo, alle prese con ritardi e malfunzionamenti, come più volte attestato sulle nostre pagine. Il consigliere, dopo un incontro con i cittadini, ha deciso di proporre un’interrogazione a Palazzo Lascaris.
«E’ necessario – spiega in una nota stampa – fare chiarezza sull’annosa vicenda dei passaggi a livello lungo la linea ferroviaria Novara-Domodossola; i cittadini di Momo e dei paesi limitrofi vivono da troppo tempo una situazione di forte disagio».
Rossi annuncia così la presentazione di un’interrogazione all’assessore competente in cui vengono riprese le criticità emerse in un confronto con il Comitato spontaneo “Su le sbarre” organizzato in seguito agli incidenti che si sono verificati nelle ultime settimane. «L’incontro con una delegazione del Comitato – spiega Rossi – ha confermato, da un lato, i problemi di viabilità e sicurezza, dall’altro, ha evidenziato ulteriori criticità come la presenza di un polo scolastico proprio oltre la ferrovia». Un confronto costruttivo anche per fare chiarezza sulle iniziative fino ad ora messe in campo per risolvere il problema. In particolare l’interrogazione intende verificare competenze e possibilità di intervento della Regione, e l’eventuale disponibilità di risorse.

Negli scorsi giorni è intervenuto anche l’onorevole del Movimento5Stelle, Davide Crippa. «Veniamo a sapere di due malfunzionamenti nel giro di due giorni presso il passaggio a livello di Alzate di Momo – scrive in un comunicato stampa – Nella notte fra martedì 16 e mercoledì 17 giugno un autoveicolo si è schiantato contro un locomotore, mentre nella notte di venerdì 19 giugno tale disguido si sarebbe ripetuto questa volta però, fortunatamente, senza conseguenze e senza mettere in pericolo i cittadini. Ricordiamo che il passaggio a livello in questione di fatto taglia in metà il Comune di Momo, rendendo perlomeno difficoltoso il passaggio fra una frazione e l’altra. Considerando le diverse segnalazioni che pare i cittadini di Momo hanno nei mesi lasciato all’amministrazione comunale e considerando che segnalazioni riportano incidenti simili anche al passaggio livello di Suno (che verte sulla stessa tratta) e ritenendo inaccettabile una mancanza di rispetto per la sicurezza dei molti che ogni giorno passano per questi attraversamenti, ho provveduto a depositare un’interrogazione in merito rivolta al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti. Attendiamo risposta, così come i cittadini di Momo. Vorrei concludere facendo presente che già in tempi non sospetti – sostiene – e parliamo del settembre 2014, avevamo esternato tutte le nostre perplessità rispetto all’entusiasmo che aveva accompagnato l’allora bozza del decreto “Sblocca Italia” in cui erano presenti risorse per continuare, per esempio, un tratto della Tangenziale di Novara. In quella nota stampa riportavamo come sarebbe stato più lungimirante investire su altre opere e/o sulla sicurezza dei cittadini finanziando piccole opere come proprio il riadeguamento del passaggio a livello di Momo”.

mo.c.

MOMO – Intervento del consigliere regionale novarese del Partito democratico, Domenico Rossi, per i passaggi a livello di Momo, alle prese con ritardi e malfunzionamenti, come più volte attestato sulle nostre pagine. Il consigliere, dopo un incontro con i cittadini, ha deciso di proporre un’interrogazione a Palazzo Lascaris.
«E’ necessario – spiega in una nota stampa – fare chiarezza sull’annosa vicenda dei passaggi a livello lungo la linea ferroviaria Novara-Domodossola; i cittadini di Momo e dei paesi limitrofi vivono da troppo tempo una situazione di forte disagio».
Rossi annuncia così la presentazione di un’interrogazione all’assessore competente in cui vengono riprese le criticità emerse in un confronto con il Comitato spontaneo “Su le sbarre” organizzato in seguito agli incidenti che si sono verificati nelle ultime settimane. «L’incontro con una delegazione del Comitato – spiega Rossi – ha confermato, da un lato, i problemi di viabilità e sicurezza, dall’altro, ha evidenziato ulteriori criticità come la presenza di un polo scolastico proprio oltre la ferrovia». Un confronto costruttivo anche per fare chiarezza sulle iniziative fino ad ora messe in campo per risolvere il problema. In particolare l’interrogazione intende verificare competenze e possibilità di intervento della Regione, e l’eventuale disponibilità di risorse.

Negli scorsi giorni è intervenuto anche l’onorevole del Movimento5Stelle, Davide Crippa. «Veniamo a sapere di due malfunzionamenti nel giro di due giorni presso il passaggio a livello di Alzate di Momo – scrive in un comunicato stampa – Nella notte fra martedì 16 e mercoledì 17 giugno un autoveicolo si è schiantato contro un locomotore, mentre nella notte di venerdì 19 giugno tale disguido si sarebbe ripetuto questa volta però, fortunatamente, senza conseguenze e senza mettere in pericolo i cittadini. Ricordiamo che il passaggio a livello in questione di fatto taglia in metà il Comune di Momo, rendendo perlomeno difficoltoso il passaggio fra una frazione e l’altra. Considerando le diverse segnalazioni che pare i cittadini di Momo hanno nei mesi lasciato all’amministrazione comunale e considerando che segnalazioni riportano incidenti simili anche al passaggio livello di Suno (che verte sulla stessa tratta) e ritenendo inaccettabile una mancanza di rispetto per la sicurezza dei molti che ogni giorno passano per questi attraversamenti, ho provveduto a depositare un’interrogazione in merito rivolta al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti. Attendiamo risposta, così come i cittadini di Momo. Vorrei concludere facendo presente che già in tempi non sospetti – sostiene – e parliamo del settembre 2014, avevamo esternato tutte le nostre perplessità rispetto all’entusiasmo che aveva accompagnato l’allora bozza del decreto “Sblocca Italia” in cui erano presenti risorse per continuare, per esempio, un tratto della Tangenziale di Novara. In quella nota stampa riportavamo come sarebbe stato più lungimirante investire su altre opere e/o sulla sicurezza dei cittadini finanziando piccole opere come proprio il riadeguamento del passaggio a livello di Momo”.

mo.c.