Economia
A rischio il 40% degli imprenditori

L’allarme di Ascom: “Un’impresa commerciale su due rischia di finire nelle mani degli usurai”

La pandemia ha creato un terreno fertile per malintenzionati che senza scrupoli sfruttano la disperazione di chi è costretto a ricorrere ai prestiti.

L’allarme di Ascom: “Un’impresa commerciale su due rischia di finire nelle mani degli usurai”
Economia 23 Aprile 2021 ore 06:58

Un’impresa commerciale su due rischia di finire nella mani degli usurai: è l’allarme di Ascom, come riportano i colleghi di primatorino.it

Mancanza di liquidità e rischio usura

Il 40% degli imprenditori è a rischio usura, proprio nell’anno della pandemia la mancanza di liquidità ha costretto imprenditori di diversi settori a chiedere prestiti. Il dato allarmante emerge per l’ottava edizione di “Legalità ci piace“, la Giornata nazionale Confcommercio.

I dati

A Torino, il 78% delle imprese del commercio, della ricettività e dei pubblici esercizi con meno di 10 addetti ha chiuso il 2020 in perdita o forte perdita, oltre il 55% ha avuto problemi di liquidità e il 13% sta valutando la chiusura definitiva dell’attività. Un terreno più che fertile, purtroppo, per i malintenzionati.

Dove si infiltra l’illegalità

A questo proposito, la presidente Ascom Confcommercio Torino e provincia, Maria Luisa Coppa dichiara:

 I dati rilevano che il settore del commercio e del turismo, a livello nazionale, hanno perso 180 miliardi di fatturato. I ristori in senso ampio, dal fondo perduto dei vari decreti all’esonero Irap, al credito d’imposta sugli affitti, hanno valso circa 37 miliardi. La differenza – pari a 143 miliardi di euro – è stata a carico delle Imprese del commercio e del turismo  che hanno dato fondo alle risorse proprie ed hanno ricorso al prestito bancario. In questo spazio c’è purtroppo un forte rischio che si infiltri l’illegalità.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter