Economia

«Macchè volpi e gufi, solo delle talpe»

«Macchè volpi e gufi, solo delle talpe»
Economia 28 Novembre 2015 ore 15:14

NOVARA – Due gli argomenti che ieri mattina hanno infiammato i consiglieri comunali, riuniti per deliberare l’assestamento di bilancio. Nel mirino dell’opposizione è stata la campagna pubblicitaria in corso che il sindaco Andrea Ballarè ha già iniziato per promuovere, con eventi pubblici e manifesti, quello che viene definito il bilancio di mandato.
A quanto risulterebbe le spese sarebbero sostenute con soldi delle casse comunali e con contributi derivanti da sponsorizzazioni di cui in aula l’Amministrazione si è rifiutata di fornire i nomi e le cifre.
Il secondo punto caldo, come si poteva immaginare sentito il sentiment manifestato in commissione, è stato quello delle spese che il Comune dovrà sostenere per i mondiali di pattinaggio a fronte di impegni che l’opposizione ha definito chiari in quanto inseriti nel contratto stipulato dal sindaco con la Federazione internazionale ma assolutamente poco chiari e incerti rispetto alla effettiva disponibilità che gli sponsor privati metteranno in campo.

NOVARA – Due gli argomenti che ieri mattina hanno infiammato i consiglieri comunali, riuniti per deliberare l’assestamento di bilancio. Nel mirino dell’opposizione è stata la campagna pubblicitaria in corso che il sindaco Andrea Ballarè ha già iniziato per promuovere, con eventi pubblici e manifesti, quello che viene definito il bilancio di mandato.
A quanto risulterebbe le spese sarebbero sostenute con soldi delle casse comunali e con contributi derivanti da sponsorizzazioni di cui in aula l’Amministrazione si è rifiutata di fornire i nomi e le cifre.
Il secondo punto caldo, come si poteva immaginare sentito il sentiment manifestato in commissione, è stato quello delle spese che il Comune dovrà sostenere per i mondiali di pattinaggio a fronte di impegni che l’opposizione ha definito chiari in quanto inseriti nel contratto stipulato dal sindaco con la Federazione internazionale ma assolutamente poco chiari e incerti rispetto alla effettiva disponibilità che gli sponsor privati metteranno in campo.
Le Amministrazioni pubbliche si esprimono con gli atti e il consigliere del Movimento 5 Stelle, Luca Zacchero, a margine del Consiglio è intervenuto e dopo aver fatto ricorso ad un puntuale accesso agli atti ha fatto rilevare che «dopo un primo bando raffazzonato, che offriva 10mila euro a chi doveva organizzare degli eventi, di cui non era chiaro l’obiettivo, redatto in fretta con tempi tecnici minimali, bando che il M5S ha bloccato contestandolo ed evidenziando le pecche, è seguito un nuovo bando, questa volta coerente nei contenuti e nei tempi. Bando nel quale si scriveva che l’attività sarebbe stata coperta da sponsorizzazioni. Gli atti ci dicono che 10mila euro provengono da sponsorizzazioni, di cui non si sa nulla, ma ci sono altri 9.800 euro che vengono coperti con soldi delle casse comunali per la stampa dei manifesti e dei volantini di cui 1.232 euro sono già stati spesi per i manifesti con le volpi e i gufi. Io dico che se il sindaco vuole farsi campagna elettorale fuori dal periodo corretto e previsto dalla legge, lo paghi di tasca sua».
«L’altra questione – ha aggiunto Zacchero – è sapere chi sono questi sponsor. I consiglieri non hanno avuto questa informazione e guarda caso sui manifesti appesi in città non c’è alcun logo, come mai?».
In aula c’è stato l’affondo del consigliere Daniele Andretta di “Io Novara” che ha chiesto all’assessore al bilancio Giorgio Dulio di rispondere alla domanda di chiarimento già rivoltagli sulle spese del bilancio di mandato.
«Qual’ è la spesa complessiva di questa campagna diretta e indiretta, che costi sta sostenendo la Sun. Chi è il dirigente che ha approvato la spesa e se la segreteria generale ha valutato. Poiché le locandine sono senza logo vogliamo sapere chi sono gli sponsor, quanto durerà questa campagna. Se il bilancio di fine mandato esiste perché non è stato consegnato ai consiglieri e quando si farà il dibattito consigliare? Serve verità e dovreste tirar fuori questi dati».
Anche il capogruppo della Lega Mauro Franzinelli ha battuto su questo tasto, che è stato anche uno degli argomenti trattati nella conferenza stampa tenuta poche ore dopo dal Carroccio.
Domande che hanno suscitato le rimostranze della maggioranza che tramite il capogruppo Roberto Brivitello ha fatto fuoco di sbarramento alle risposte.
L’assessore Dulio ha risposto con una non risposta: «Mi risulta che la ricerca sia in atto, mi riservo di approfondire».
«Non può una città che ha il c… per terra – ha detto Federico Perugini della Lega Nord scusandosi per la scurrilità – permettersi di spendere tanti soldi per dei manifesti sui quali invece che volpi e gufi il sindaco avrebbe dovuto immortalare delle talpe, poiché c’è la possibilità che tra un po’ vedremo sbucare dai buchi dei marciapiedi e delle strade proprio questi animali».
«Questa Amministrazione continua a interpretare il proprio ruolo come una ricerca di visibilità – ha rimarcato Isabella Arnoldi (Io, Novara) – trascurando gli aspetti amministrativi. Una campagna pagata con soldi pubblici per manifesti e fare una vetrina di politiche velleitarie. Parlate degli argomenti più controversi poiché altri non li avete. Oggi grattate il fondo del barile per finanziare un’iniziativa che vi dia un po’ di lustro».
«Attenzione alla Corte dei Conti per questi stanziamenti che vengono fatti allo scoperto – è stato il warning lanciato da Andretta – si sta facendo una campagna di comunicazione allo scoperto. Ecco le bugie dette dal sindaco».
Andretta ha sollevato anche dubbi «sui criteri di urgenza e di interesse pubblico vantati dalla giunta».
Nella votazione le delibere con le variazioni di spesa e le variazioni di bilancio sono passate con i soli voti della maggioranza (17) e 7 i voti contrari dell’opposizione.

Mariateresa Ugazio

Leggi di più sul Corriere di Novara di sabato 28 novembre 2015