Mattel chiude il 2° trimestre oltre le attese

Mattel chiude il 2° trimestre oltre le attese
Economia 19 Agosto 2015 ore 20:15

Mattel, con stabilimento a Oleggio Castello, nel Novarese, chiude il secondo trimestre oltre le attese. Ma la Barbie continua a essere sotto pressione. A rivelarlo è una nota dell'Ansa dalla quale si evince che il maggiore produttore di giocattoli al mondo archivia il periodo aprile-giugno con perdite in calo a 11,4 milioni di dollari, rispetto ai 28,3 milioni di dollari dello stesso periodo del 2014. Al netto di alcuni costi, il trimestre si chiude con utile per azione di 1 cent, oltre le attese degli analisti che scommettevano su un rosso di 4 cent. I ricavi sono risultati pari a 988,2 milioni di dollari, leggermente al di sotto dei 991,9 milioni di dollari stimati dal mercato. Le vendite di Barbie continuano però a deludere. Pur essendo lievemente in rialzo dall'inizio dell'anno, sono in calo per il sesto trimestre consecutivo. Mattel sta cercando di rilanciare i suoi marchi, e il successo di Barbie è chiave nella strategia dell'amministratore delegato Christopher Sinclair. Sinclair ha assunto le redini della società in aprile e si è impegnato a cambiarne la cultura, ridistribuendo gli incarichi fra i manager e accelerando lo sviluppo di nuovi giocattoli. "Nel secondo trimestre abbiamo compiuto progressi - dice all'agenzia Ansa - Continuiamo a lavorare per migliorare la crescita e la redditività di Mattel'', afferma Sinclair, sottolineando che ''anche se la società è nelle fasi iniziali del rilancio, stiamo prendendo le misure giuste per essere più competitivi nella crescente industria dei giocattoli''.  Le vendite di Barbie sono calate nel secondo trimestre del 19%, mentre quelle di Fisher Price sono salite del 2%. Hot Wheels è stato l'unico marchio del gruppo Mattel a registrare una crescita a due cifre, con vendite in aumento del 19%. Le azioni di Mattel sono scese del 35% negli ultimi 12 mesi.

p.u.  

Mattel, con stabilimento a Oleggio Castello, nel Novarese, chiude il secondo trimestre oltre le attese. Ma la Barbie continua a essere sotto pressione. A rivelarlo è una nota dell'Ansa dalla quale si evince che il maggiore produttore di giocattoli al mondo archivia il periodo aprile-giugno con perdite in calo a 11,4 milioni di dollari, rispetto ai 28,3 milioni di dollari dello stesso periodo del 2014. Al netto di alcuni costi, il trimestre si chiude con utile per azione di 1 cent, oltre le attese degli analisti che scommettevano su un rosso di 4 cent. I ricavi sono risultati pari a 988,2 milioni di dollari, leggermente al di sotto dei 991,9 milioni di dollari stimati dal mercato. Le vendite di Barbie continuano però a deludere. Pur essendo lievemente in rialzo dall'inizio dell'anno, sono in calo per il sesto trimestre consecutivo. Mattel sta cercando di rilanciare i suoi marchi, e il successo di Barbie è chiave nella strategia dell'amministratore delegato Christopher Sinclair. Sinclair ha assunto le redini della società in aprile e si è impegnato a cambiarne la cultura, ridistribuendo gli incarichi fra i manager e accelerando lo sviluppo di nuovi giocattoli. "Nel secondo trimestre abbiamo compiuto progressi - dice all'agenzia Ansa - Continuiamo a lavorare per migliorare la crescita e la redditività di Mattel'', afferma Sinclair, sottolineando che ''anche se la società è nelle fasi iniziali del rilancio, stiamo prendendo le misure giuste per essere più competitivi nella crescente industria dei giocattoli''.  Le vendite di Barbie sono calate nel secondo trimestre del 19%, mentre quelle di Fisher Price sono salite del 2%. Hot Wheels è stato l'unico marchio del gruppo Mattel a registrare una crescita a due cifre, con vendite in aumento del 19%. Le azioni di Mattel sono scese del 35% negli ultimi 12 mesi.

p.u.