Occupazione

Mercatone Uno: ora la chiusura dei punti vendita è definitiva

I dipendenti possono beneficiare però di altri 12 mesi di cassa integrazione

Mercatone Uno: ora la chiusura dei punti vendita è definitiva
Economia Ovest Ticino, 30 Novembre 2020 ore 07:00

Mercatone Uno: tramonta l’ipotesi di un passaggio di proprietà per i punti vendita del Novarese, ma i lavoratori ottengono altri 12 mesi di cassa integrazione.

Mercatone Uno: i punti vendita del Novarese restano chiusi

Se fino a qualche mese fa la prospettiva di un futuro diverso per i lavoratori del Mercatone Uno sembrava fortemente a rischio, ora anche quel residuo barlume di speranza se n’è andato. Il tribunale di Bologna ha sancito la cessazione dell’amministrazione straordinaria del gruppo e il definitivo fallimento di tutti i centri commerciali che fanno capo al colosso dell’arredamento. A decorrere da martedì 24 novembre per i lavoratori che risultano ancora in forza al Mercatone è scattata la cassa integrazione straordinaria prevista dal Decreto Genova. Altri 12 mesi di ossigeno per i circa 150 ex dipendenti dei punti vendita disseminati tra le province di Novara e Vco. Allo scadere dell’anno però, si tornerà con ogni probabilità in emergenza, con la prospettiva della Naspi e con l’incombenza di costruire un nuovo futuro per i lavoratori lasciati a casa.

Difficile pensare a un ritorno dei dipendenti nel mondo del lavoro

“Con questo ultimo atto – dice la sindacalista Cgil Stella Cepile, che ha seguito la vertenza nel Novarese e nel Vco fin dall’inizio – si mette definitivamente e letteralmente la parola fine al percorso di un’azienda storica del nostro Paese. Una storia che nell’ultimo periodo ha visto il susseguirsi di alcune vicende incredibili, come i nove mesi folli caratterizzati dalla cessione di un gruppo di questo calibro a Shernon, una scatola vuota con un capitale sociale ridicolo con sede a Malta. Fortunatamente i lavoratori sono stati tutelati con l’affidamento all’amministrazione straordinaria e la proroga di questo provvedimento anche per l’ultimo periodo. Ora però nel nostro territorio – al di là di ciò che accade per il punto vendita di Gravellona Toce, che è stato rilevato da un’altra azienda insieme ai suoi 17 dipendenti – la situazione resta critica per i lavoratori dei centri commerciali di Crevoladossola, Trecate, Pombia, Caltignaga e Romagnano Sesia, tutti stabilimenti chiusi ormai da tempo e senza possibilità di riapertura. La sfortuna ha voluto che questa crisi occupazionale coincidesse con l’emergenza sanitaria, che rende tutto più complicato. La forza lavoro in cassa integrazione è composta prevalentemente da donne con un’età superiore ai 50 anni, per cui è difficile immaginare una ricollocazione immediata di tutti i dipendenti nel giro di un anno”.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità