Mercoledì 18 marzo a Landiona incontro per approfondire la legge Delrio

Mercoledì 18 marzo a Landiona incontro per approfondire la legge Delrio
Economia 18 Marzo 2015 ore 15:58

LANDIONA – Un incontro per approfondire la legge Delrio e il nuovo ordinamento amministrativo dei Comuni e delle Province.
Si terrà questa sera, mercoledì 18 marzo, dalle 20,30, al salone dell’oratorio di Landiona, nel Novarese.
A organizzare l’iniziativa, i consiglieri comunali di minoranza, Manuela Dondi e Francesco Cavagnino.

LANDIONA – Un incontro per approfondire la legge Delrio e il nuovo ordinamento amministrativo dei Comuni e delle Province.
Si terrà questa sera, mercoledì 18 marzo, dalle 20,30, al salone dell’oratorio di Landiona, nel Novarese.
A organizzare l’iniziativa, i consiglieri comunali di minoranza, Manuela Dondi e Francesco Cavagnino.
Perché un incontro di questo tipo? Lo spiegano proprio Dondi e Cavagnino, facendo un po’ di cronistoria. “Il 23 gennaio 2015 il Ministro dell’Interno ha inviato a tutte le Prefetture una circolare che ha integrato la circolare del 12 gennaio con la quale – riferiscono – veniva chiesta la procedura di verifica dell’applicazione da parte dei comuni sotto i 1000 abitanti di esprimere in base all’art.14 del Decreto Legge del 31 maggio 2010, il n.78, poi convertito in legge, la n. 122, di procedere all’associazione dei Comuni per l’espletamento di alcune funzioni fondamentali, nove in tutto. Con la legge n. 135 del 7 agosto 2012, questa indicazione diveniva obbligatoria e avrebbe dovuto concludersi con il 31 dicembre 2014. Come spesso accade in questo Paese, molti Comuni – sostengono i due consiglieri – non hanno ottemperato e le due circolari ministeriali, emesse proprio per valutare le eventuali inadempienze, sono rimaste al palo in conseguenza del fatto che Anci nazionale, su pressione dei Comuni inadempient,i ha chiesto al Governo di inserire un emendamento nell’atto di conversione in legge del decreto Milleproroghe attivando una ennesima proroga per la realizzazione degli atti conseguenti alle convenzioni obbligatorie. Ora tutto è rimandato al 31 dicembre 2015”.
“Ulteriori nove mesi durante i quali i Comuni – spiegano Cavagnino e Dondi – devono trovare una soluzione. Nel contempo si deve avviare un iter per monitorare la “Governance” dei modelli che vengono assunti, il tutto sotto lo sguardo attento delle rappresentanze locali (livello provinciale) dell’Anci”.
Nella fase di valutazione e in previsione degli sbocchi futuri, “come minoranza del Comune di Landiona, abbiamo creduto opportuno proporre un momento di approfondimento comune con la partecipazione del Vicepresidente della Regione Piemonte, Aldo Reschigna, del Vicepresidente della Provincia di Novara, Enrico Ruggerone e del sindaco di Novara e Presidente dell’Anci della Regione Piemonte, Andrea Ballarè”.

mo.c.

[nella foto: Graziano Delrio]