Economia

Numeri da record per il gorgonzola: oltre 4milioni di forme prodotte

Numeri da record per il gorgonzola: oltre 4milioni di forme prodotte
Economia 20 Gennaio 2016 ore 16:37

NOVARA – 4.501.237 forme di gorgonzola Dop nel 2015. Questo il numero fatto registrare, nell’annata appena conclusa, nella produzione del formaggio per eccellenza del nostro territorio. Oltre 4milioni di forme prodotte nel territorio consortile e con una crescita di 57.699, con un trend positivo continuo, che si registra sin dal 2012.
Un trend che pone il gorgonzola sul podio dei formaggi italiani DOP di latte vaccino più esportati nel mondo. Anche l’export è infatti molto soddisfacente; i dati Clal, aggiornati a settembre 2015 registrano un +12,21% rispetto al 2014 per l’export globale, con 13.464 quintali di Gorgonzola esportati.
Un incremento di oltre il 12%, pari a circa 13.500 tonnellate di prodotto, è quello che ha fatto segnare l’esportazione di Gorgonzola Dop nel resto del mondo nei primi 9 mesi di quest’anno secondo i dati Clal appena pubblicati.

In particolare il mercato americano è centrale per l’esportazione dei prodotti enogastronomici italiani se si considera che nei primi 8 mesi del 2015 le esportazioni in USA sono aumentate del 23,6% pari ad un valore di 2,34 miliardi di euro (dati Federalimentare). Di questi, ben 179 milioni sono costituiti dai formaggi italiani Dop che diventano così il terzo prodotto più richiesto negli Stati Uniti dopo il vino e l’olio e prima della pasta. Con questi buoni auspici il Consorzio per la tutela del Formaggio Gorgonzola ha varato un’azione di valorizzazione, che partirà il prossimo anno, sul mercato americano e su quello nord-europeo. Si tratta di iniziative di comunicazione che mirano a rafforzare il ruolo della Dop Gorgonzola all’estero attraverso il web e dei social network, a cui una grande fetta di consumatori si rivolge per reperire notizie e ricette.
La qualità e l’autenticità del gorgonzola, inserito nella lista dei prodotti DOP. dal 1996, sono assicurate da una severa legislazione che definisce la zona geografica per la raccolta del latte e la stagionatura, oltre agli standard di produzione. Solo il latte degli allevamenti bovini delle provincie di Novara, Vercelli, Cuneo, Biella, Bergamo, Brescia, Como, Cremona, Lecco, Lodi, Milano, Monza, Pavia e Varese, Verbano-Cusio-Ossola e il territorio di Casale Monferrato può essere utilizzato per produrre il gorgonzola, conferendogli la denominazione d’origine protetta. Ogni forma di gorgonzola deve essere marchiata all’origine e riportare sempre l’indicazione del caseificio in cui è stata prodotta.
mo.c.

NOVARA – 4.501.237 forme di gorgonzola Dop nel 2015. Questo il numero fatto registrare, nell’annata appena conclusa, nella produzione del formaggio per eccellenza del nostro territorio. Oltre 4milioni di forme prodotte nel territorio consortile e con una crescita di 57.699, con un trend positivo continuo, che si registra sin dal 2012.
Un trend che pone il gorgonzola sul podio dei formaggi italiani DOP di latte vaccino più esportati nel mondo. Anche l’export è infatti molto soddisfacente; i dati Clal, aggiornati a settembre 2015 registrano un +12,21% rispetto al 2014 per l’export globale, con 13.464 quintali di Gorgonzola esportati.
Un incremento di oltre il 12%, pari a circa 13.500 tonnellate di prodotto, è quello che ha fatto segnare l’esportazione di Gorgonzola Dop nel resto del mondo nei primi 9 mesi di quest’anno secondo i dati Clal appena pubblicati.

In particolare il mercato americano è centrale per l’esportazione dei prodotti enogastronomici italiani se si considera che nei primi 8 mesi del 2015 le esportazioni in USA sono aumentate del 23,6% pari ad un valore di 2,34 miliardi di euro (dati Federalimentare). Di questi, ben 179 milioni sono costituiti dai formaggi italiani Dop che diventano così il terzo prodotto più richiesto negli Stati Uniti dopo il vino e l’olio e prima della pasta. Con questi buoni auspici il Consorzio per la tutela del Formaggio Gorgonzola ha varato un’azione di valorizzazione, che partirà il prossimo anno, sul mercato americano e su quello nord-europeo. Si tratta di iniziative di comunicazione che mirano a rafforzare il ruolo della Dop Gorgonzola all’estero attraverso il web e dei social network, a cui una grande fetta di consumatori si rivolge per reperire notizie e ricette.
La qualità e l’autenticità del gorgonzola, inserito nella lista dei prodotti DOP. dal 1996, sono assicurate da una severa legislazione che definisce la zona geografica per la raccolta del latte e la stagionatura, oltre agli standard di produzione. Solo il latte degli allevamenti bovini delle provincie di Novara, Vercelli, Cuneo, Biella, Bergamo, Brescia, Como, Cremona, Lecco, Lodi, Milano, Monza, Pavia e Varese, Verbano-Cusio-Ossola e il territorio di Casale Monferrato può essere utilizzato per produrre il gorgonzola, conferendogli la denominazione d’origine protetta. Ogni forma di gorgonzola deve essere marchiata all’origine e riportare sempre l’indicazione del caseificio in cui è stata prodotta.
mo.c.

Seguici sui nostri canali