Per Novamont una nuova immagine

Per Novamont una nuova immagine
Economia 11 Settembre 2015 ore 16:37

NOVARA - “Oggi ci presentiamo al mondo con una nuova immagine che rispecchia il Dna dei nostri valori ed esalta l’evoluzione nel tempo,  fino alla Novamont di oggi, e la nostra volontà di essere promotori di cambiamento”.

Così ha commentato Catia Bastioli, amministratore delegato di Novamont, in occasione della presentazione della nuova identità visiva di Novamont e del Mater-Bi®, la famiglia di prodotti con cui Novamont, azienda novarese, è diventata leader mondiale nel settore delle bioplastiche e dei biochemicals. “Oggi non siamo più una singola azienda; attraverso investimenti significativi siamo diventati un gruppo di aziende, con un network di siti produttivi e di ricerca, una rete commerciale globale e una joint venture di peso. Un gruppo con le radici nel territorio e la testa nel mondo, che con questo nuovo “abito” conferma la tensione verso l’innovazione continua, da sempre motore del suo sviluppo”.

Disegnata da Lorenzo Marini Group, la nuova immagine è un nastro verde blu che si avvolge su se stesso con un movimento circolare verso l’alto a rappresentare il senso della perpetua tensione verso l’eccellenza della ricerca, il pianeta Terra e la rigenerazione,  sintesi perfetta dell’approccio sistemico con cui Novamont sta reinterpretando il tradizionale modello economico di produzione-consumo-smaltimento in un’ottica circolare e di filiera, con benefici per l’ambiente e per i territori. 

Capovolto di 90° il nastro diventa la lettera M, iniziale di Mater-Bi®, la famiglia di prodotti sviluppati attraverso l’integrazione di chimica, ambiente e agricoltura, frutto di oltre 25 anni di ricerca e innovazione e di circa 1.000 brevetti, in grado di fornire soluzioni a specifici problemi ambientali, come nel caso del rifiuto organico, segnando il presente e il futuro di uno sviluppo autenticamente sostenibile sia per l’ambiente che per la società. I due simboli diversi ma  trasformabili l’uno nell’altro stanno a significare il profondo legame tra il modello originale di sviluppo verso cui Novamont vuole tendere e la concretezza della dimostrazione, possibile attraverso i casi studio e le filiere integrate a cui Mater-Bi® ha dato luogo in modo pionieristico in questi anni.  

Dalla ricerca Novamont è nata una realtà industriale internazionale con le radici in Italia, ma anche una piattaforma di innovazione interdisciplinare di grande potenziale, in grado di interconnettere mondi diversi e di catalizzare nuove iniziative replicabili in tanti altri contesti. “Con la passione di sempre e con questa nuova identità, siamo pronti ad affrontare insieme ai nostri partners e colleghi un mercato globale che non può più ignorare l’essenzialità e la centralità delle risorse naturali per l’umanità”, ha concluso Bastioli.

mo.c.


NOVARA - “Oggi ci presentiamo al mondo con una nuova immagine che rispecchia il Dna dei nostri valori ed esalta l’evoluzione nel tempo,  fino alla Novamont di oggi, e la nostra volontà di essere promotori di cambiamento”.

Così ha commentato Catia Bastioli, amministratore delegato di Novamont, in occasione della presentazione della nuova identità visiva di Novamont e del Mater-Bi®, la famiglia di prodotti con cui Novamont, azienda novarese, è diventata leader mondiale nel settore delle bioplastiche e dei biochemicals. “Oggi non siamo più una singola azienda; attraverso investimenti significativi siamo diventati un gruppo di aziende, con un network di siti produttivi e di ricerca, una rete commerciale globale e una joint venture di peso. Un gruppo con le radici nel territorio e la testa nel mondo, che con questo nuovo “abito” conferma la tensione verso l’innovazione continua, da sempre motore del suo sviluppo”.

Disegnata da Lorenzo Marini Group, la nuova immagine è un nastro verde blu che si avvolge su se stesso con un movimento circolare verso l’alto a rappresentare il senso della perpetua tensione verso l’eccellenza della ricerca, il pianeta Terra e la rigenerazione,  sintesi perfetta dell’approccio sistemico con cui Novamont sta reinterpretando il tradizionale modello economico di produzione-consumo-smaltimento in un’ottica circolare e di filiera, con benefici per l’ambiente e per i territori. 

Capovolto di 90° il nastro diventa la lettera M, iniziale di Mater-Bi®, la famiglia di prodotti sviluppati attraverso l’integrazione di chimica, ambiente e agricoltura, frutto di oltre 25 anni di ricerca e innovazione e di circa 1.000 brevetti, in grado di fornire soluzioni a specifici problemi ambientali, come nel caso del rifiuto organico, segnando il presente e il futuro di uno sviluppo autenticamente sostenibile sia per l’ambiente che per la società. I due simboli diversi ma  trasformabili l’uno nell’altro stanno a significare il profondo legame tra il modello originale di sviluppo verso cui Novamont vuole tendere e la concretezza della dimostrazione, possibile attraverso i casi studio e le filiere integrate a cui Mater-Bi® ha dato luogo in modo pionieristico in questi anni.  

Dalla ricerca Novamont è nata una realtà industriale internazionale con le radici in Italia, ma anche una piattaforma di innovazione interdisciplinare di grande potenziale, in grado di interconnettere mondi diversi e di catalizzare nuove iniziative replicabili in tanti altri contesti. “Con la passione di sempre e con questa nuova identità, siamo pronti ad affrontare insieme ai nostri partners e colleghi un mercato globale che non può più ignorare l’essenzialità e la centralità delle risorse naturali per l’umanità”, ha concluso Bastioli.

mo.c.